24/06/2024nubi sparse

25/06/2024nubi sparse e rovesci

26/06/2024possibili temporali

24 giugno 2024

Vittorio Veneto

“Dimettermi? Non ne vedo la necessità”

Il sindaco, venuta meno la maggioranza consiliare, va avanti. Domani sera saranno riportati in aula tre punti cassati una settimana fa

| Claudia Borsoi |

immagine dell'autore

| Claudia Borsoi |

Antonio Miatto

VITTORIO VENETO - «Dimettermi? Beh, io penso al 100% delle possibilità… ma non vedo la necessità a fronte di una corposa gestione ordinaria che permane come compito». Il sindaco Antonio Miatto non si dimetterà, come sollecitato dalle minoranze e in particolare dal Pd, dopo che la maggioranza consiliare, nel corso dell’ultimo consiglio comunale, è venuta meno. E fa chiarezza sulle voci circolate in città in queste ore che lo darebbero, dopo il consiglio di domani sera, mercoledì, prossimo ad un passo indietro.

 

All’appuntamento elettorale manca un mese e mezzo. E a giorni scatteranno i 45 giorni prima delle elezioni, periodo durante il quale il comune dovrà attenersi alla sola amministrazione ordinaria, non ci potranno cioè essere ad esempio scelte per nuovi investimenti.

 

Domani, 24 aprile, ci sarà per il consiglio comunale l’ultima possibilità di assumere provvedimenti. E, dopo che i capigruppo di maggioranza e di minoranza erano stati convocati venerdì mattina dal presidente del consiglio comunale Paolo Santantonio su richiesta del sindaco Antonio Miatto, domani saranno riportate tre delle questioni cassate una settimana fa: l’adeguamento di spesa per l’intervento in corso su palazzo Piazzoni e per quello di recupero della palazzina di via Galilei e poi il punto sulla discarica di Forcal.

 

«Portiamo a casa questi tre punti indispensabili, sebbene ce ne fossero anche altri di utili» dice il sindaco Miatto. Non saranno invece trattati due dei punti previsti domani sera: l’autorizzazione all’accensione di un mutuo da parte della Vittorio Veneto Servizi per l’intervento di restauro dell’ex scuola “Sauro” per farne la nuova farmacia di San Giacomo di Veglia e la variazione di bilancio che avrebbe adeguato la spesa per l’intervento di recupero del sentiero di Santa Augusta beneficiando anche di un contributo privato.

 

«Porteremo tre emendamenti – anticipa Mirella Balliana, consigliere comunale di Rinascita Civica con riferimento alla seduta di domani – per recuperare la bocciatura rispetto ai finanziamenti degli appartamenti di via Galilei, l’aggiornamento dei costi del Piazzoni e per il percorso della discarica di Forcal. Siamo propensi a farlo, purché siano questi: non è che a fine mandato possiamo mettere tutto in blocco e votarlo come un pacchetto».

 


| modificato il:

foto dell'autore

Claudia Borsoi

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×