05/02/2023molto nuvoloso

06/02/2023molto nuvoloso

07/02/2023velature lievi

05 febbraio 2023

Nord-Est

Influenza, sono 79.810 i casi in quest'ultima settimana

Lanzarin: "Vaccino efficace strumento prevenzione"

| Ansa |

| Ansa |

Influenza, sono 79.810 i casi in quest'ultima settimana

VENEZIA - Nell'ultima settimana in Veneto sono 79.810 i casi stimati di influenza stagionale. Il dato è riportato nel report del sistema di sorveglianza epidemiologica del contagio nell'ambito della rete Influnet. L'incidenza generale è pari a 16,44 casi per mille abitanti. Un dato che - fanno notare gli esperti - segna come, allo stato attuale, si sta registrando l'incidenza più alta dal 2004. La fascia di età più colpita è quella dei bambini da 0 a 4 anni con 45,72 casi per mille, seguita da quella tra i 5 e i 14 anni con 37,29 casi per mille. Incidenza attenuata tra i cittadini tra i 15 e i 64 anni che fanno registrare 11,39 casi per mille. La sintomatologia si manifesta con febbre, brivido, tosse, mal di gola, cefalea, dolori muscolari, astenia, naso chiuso e/o naso che cola. Il virus influenzale può indebolire temporaneamente il sistema immunitario, anche in soggetti giovani e sani, e può favorire la comparsa, insieme all'influenza, anche di infezioni batteriche contemporanee quali bronchiti, otiti, polmoniti e sinusiti. "Stiamo assistendo a una diffusione particolarmente aggressiva dell'influenza stagionale - sottolinea l'assessore regionale alla Sanità, Manuela Lanzarin -.

Gli esperti di dicono che molto probabilmente è una conseguenza di una circolazione del virus che negli ultimi due anni è stata ostacolata dagli accorgimenti per contenere la pandemia. Il vaccino antinfluenzale, quindi, si rivela un efficace strumento di prevenzione e protezione dai virus dell'influenza stagionale. Invito chi non lo ha ancora fatto a vaccinarsi". La vaccinazione, quindi, è raccomandata e gratuita per tutti i cittadini con più di 60 anni, per le persone fragili con malattie croniche, per le donne in gravidanza, per i bambini dai 6 mesi ai 6 anni, per i caregiver e per i lavoratori in ambito sanitario.

 



Ansa

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×