06/07/2022pioggia debole e schiarite

07/07/2022nubi sparse e temporali

08/07/2022poco nuvoloso

06 luglio 2022

Nord-Est

Ucraina, Zaia: "Il Veneto è la porta di accesso ai profughi"

Ne sono arrivati 3.300 in varie città: "In realtà il numero è superiore"

|

|

Ucraina, Zaia:

VENEZIA - "Il flusso dei profughi sta aumentando costantemente, in particolare sta transitando un numero imprecisato e non calcolabile dalle stazioni ferroviarie di Mestre e Verona. Quelli registrati sono circa 3.300 ma in realtà il numero è molto superiore e si aggiorna di ora in ora. Registriamo un aumento costante di arrivi in pulman e auto che hanno iniziato a recarsi direttamente nei nostri hub dove sanno di poter essere accolti. Nelle stazioni invece stanno transitando persone che si sottopongono a tampone e poi salgono sui treni in direzione di altre regioni d'Italia. Stiamo facendo tutto il possibile per intercettarli e sottoporli a tampone. Questo per la maggior sicurezza di tutti". Così il presidente della Regione Luca Zaia, Commissario per l'emergenza Ucraina, commenta il quadro della situazione odierna in Veneto rispetto all'arrivo di profughi nella nostra Regione.

Allo stato attuale (dati aggiornati delle ore 9 di oggi) il numero degli arrivi registrato in Veneto dalla Prefetture si assesta intorno a 3.300 persone, in maggioranza concentrate nel territorio della provincia di Treviso (oltre 1.100) Ieri sono stati effettuati 346 tamponi per un totale di tamponi eseguiti da inizio emergenza su cittadini ucraini pari a 4.769 tamponi (tasso di positività pari al 2,31%, dati aggiornati alle ore 10 di oggi). Va sottolineato che il numero dei tamponi è molto alto perché le persone passano dalle stazioni di Mestre, Padova e Verona, vengono sottoposte a tampone e poi salgono sui treni verso destinazioni in altre regioni.

I profughi a cui è stata somministrata almeno una vaccinazione sono 402, mentre il numero di vaccinazioni somministrate a profughi è 484. I profughi a cui è stata registrata in Anagrafe Vaccinale Regionale la situazione delle vaccinazioni ricevute prima dell'arrivo in Italia sono 87. I profughi ricoverati in strutture ospedaliere del Veneto sono18 (12 minori e 6 adulti). Le presenze negli hub di accoglienza predisposti dalla Regione del Veneto per la prima accoglienza dei profughi in 3 ex-ospedali sono: 56 a Noale (VE), 13 a Valdobbiadene (TV) e 22 a Isola della Scala (VR). (dati aggiornati delle ore 9 di oggi) (ANSA).

 



Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×