28/05/2024nubi sparse

29/05/2024parz nuvoloso

30/05/2024pioggia

28 maggio 2024

Benessere

Vaccini: 154 mln di vite salvate in 50 anni, nuova campagna Oms-Unicef-Gavi.

| AdnKronos |

| AdnKronos |

Vaccini: 154 mln di vite salvate in 50 anni, nuova campagna Oms-Unicef-Gavi.

Roma, 24 apr. (Adnkronos Salute) - L'Oms, l'Unicef, Gavi e la Fondazione Bill & Melinda Gates lanciano la campagna 'Humanly Possible' per incrementare i programmi di vaccinazione in tutto il mondo durante la Settimana mondiale delle vaccinazioni 2024 (24-30 aprile). Uno studio condotto dall'Organizzazione mondiale della sanità e pubblicato da 'The Lancet', spiegano in una nota congiunta, indica che le iniziative di vaccinazione globale hanno salvato circa 154 milioni di vite negli ultimi 50 anni: in pratica 6 vite ogni minuto di ogni anno. La maggior parte delle vite salvate, 101 milioni, sono state di bambini con meno di un anno. Tra i vaccini inclusi nello studio, quello contro il morbillo ha avuto l'impatto più significativo sulla riduzione della mortalità infantile, rappresentando il 60% delle vite salvate grazie alla vaccinazione. Questo vaccino rimarrà probabilmente il principale responsabile della prevenzione dei decessi in futuro.

Negli ultimi 50 anni - riporta la nota - la vaccinazione contro 14 malattie (difterite, Haemophilus influenzae di tipo B, epatite B, encefalite giapponese, morbillo, meningite A, pertosse, malattia pneumococcica invasiva, poliomielite, rotavirus, rosolia, tetano, tubercolosi e febbre gialla) ha contribuito a ridurre le morti infantili del 40% a livello globale e di oltre il 50% nella regione africana. "I vaccini sono tra le invenzioni più potenti della storia, in quanto rendono prevenibili malattie un tempo temute - dichiara il direttore generale dell'Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus - Grazie ai vaccini il vaiolo è stato debellato, la poliomielite è in via di estinzione e, con lo sviluppo più recente di vaccini contro malattie come la malaria e il cancro alla cervice uterina, stiamo facendo avanzare le frontiere della malattia. Con la ricerca, gli investimenti e la collaborazione continui, possiamo salvare altri milioni di vite oggi e nei prossimi 50 anni".

Lo studio apparso su Lancet ha rilevato che, per ogni vita salvata grazie alla vaccinazione, si sono guadagnati in media 66 anni di piena salute, per un totale di 10,2 miliardi di anni di piena salute guadagnati in questi 5 decenni. Grazie alla vaccinazione contro la poliomielite, oggi più di 20 milioni di persone sono in grado di camminare e sarebbero altrimenti paralizzate, e il mondo è in procinto di eradicare la poliomielite una volta per tutte. "Questi progressi nella sopravvivenza dei bambini evidenziano l'importanza di proteggere i progressi delle vaccinazioni in ogni Paese del mondo - rimarcano gli esperti - e di accelerare le azioni per raggiungere i 67 milioni di bambini che non hanno ricevuto uno o più vaccini durante gli anni della pandemia".

Pubblicato in vista del 50esimo anniversario del Programma ampliato di immunizzazione (Epi - Expanded Programme on Immunization), che cadrà nel maggio 2024, lo studio è l'analisi più completa dell'impatto sanitario globale e regionale del programma negli ultimi 5 decenni, precisano i promotori.

Dei 154 milioni di vite salvate dal 1974 ad oggi, quasi 94 milioni sono il risultato della protezione offerta dai vaccini contro il morbillo. Tuttavia, ci sono ancora 33 milioni di bambini che hanno saltato una dose di vaccino contro il morbillo nel 2022: quasi 22 milioni hanno saltato la prima dose e altri 11 milioni la seconda. Per proteggere le comunità dalle epidemie è necessaria una copertura del 95% o maggiore con 2 dosi di vaccino contro il morbillo. Attualmente, il tasso di copertura globale della prima dose di vaccino contro il morbillo è dell'83% e della seconda dose del 74%, il che contribuisce a un numero molto elevato di epidemie in tutto il mondo.

Per aumentare la copertura vaccinale l'Unicef, uno dei maggiori acquirenti di vaccini al mondo, acquista ogni anno più di 2 miliardi di dosi per conto di Paesi e partner per raggiungere quasi la metà dei bambini del mondo. Inoltre, si adopera per distribuire i vaccini fino all'ultimo miglio, assicurando che anche le comunità più remote e meno servite abbiano accesso ai servizi di vaccinazione. "Grazie alle vaccinazioni, oggi un numero maggiore di bambini sopravvive e cresce oltre il quinto compleanno rispetto a qualsiasi altro momento della storia - rimarca la direttrice generale Unicef, Catherine Russell - Questo enorme risultato è merito degli sforzi collettivi di governi, partner, scienziati, operatori sanitari, società civile, volontari e genitori stessi, tutti impegnati nella stessa direzione di tenere i bambini al sicuro da malattie mortali. Dobbiamo continuare su questa strada e garantire che ogni bambino, ovunque, abbia accesso a vaccini salvavita".

 



AdnKronos

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×