13/04/2024velature lievi

14/04/2024poco nuvoloso

15/04/2024velature sparse

13 aprile 2024

Nord-Est

Fucile spianato a Venezia, uomo ucciso in un bar

Vittima giovane tunisino, arrestato 33enne, si segue pista droga

|

|

Fucile spianato a Venezia, uomo ucciso in un bar

VENEZIA - Uno sparo verso le 23.20 e un uomo riverso a terra, senza vita, in un bar del centro storico di Venezia, non distante dal ponte delle Guglie. Un omicidio che ricorda i regolamenti di conti della mafia, ma è invece avvenuto nel cuore della città turistica, in un punto dove ogni giorno sfilano comitive di vacanzieri. Il delitto, ieri notte, nel sestiere di Cannaregio - zona residenziale della città - si è consumato sotto gli occhi di turisti e cittadini che quell'ora erano ancora a passeggio, lungo la direttrice tra campo San Geremia - dove si trovano la sede Rai, e diversi negozi - e il ponte delle Guglie, vicino all'antico ghetto ebraico.

A due passi c'è la stazione ferroviaria di Santa Lucia, e ci sono gli imbarcaderi dei vaporetti. Khalil Ben Mallat, un tunisino venticinquenne, irregolare sul territorio italiano, diventato papà da soli tre giorni, è stato ucciso con un colpo di fucile a canne mozze, calibro 12, nel bar Halal Food, gestito da un commerciante bengalese. Dopo una breve agonia sotto gli occhi di chi si trovava nel locale, il giovane è morto sul posto. A sparare è stato il trentatreenne Raffaele Marconi, veneziano con precedenti di polizia, dipendente della ditta Laguna Trasporti e Manutenzioni, ora in stato di fermo nel carcere di Santa Maria Maggiore, a Venezia, con l'accusa di omicidio volontario. Dopo aver sparato, Marconi ha gettato l'arma in un canale e si è dato alla fuga. Qualche ora più tardi, grazie al sistema di telecamere della Control Room del Comune di Venezia, i militari del nucleo investigativo del Comando Provinciale dei Carabinieri l'hanno prelevato dalla propria abitazione, nei paraggi del locale dov'è avvenuto il fatto di sangue.

Al momento gli inquirenti seguono la pista di un regolamento di conti nel mondo dello spaccio di droga: sia venticinquenne che Marconi erano già noti alle forze dell'ordine. Per molte ore la calle sulla quale si affaccia il bar in cui Marconi ha sparato è rimasta transennata, con gli investigatori e gli uomini del reparto scientifico impegnati a lungo nella repertazione degli elementi che confluiranno nel fascicolo d'indagine. Nell'immediatezza del fatto, in città si era diffusa la voce che il delitto fosse stato la conseguenza di una lite accesa tra i due uomini, forse per motivi sentimentali. I carabinieri hanno escluso però il movente passionale. (di Maria Ducoli, ANSA)

LEGGI ANCHE

Omicidio in centro storico a Venezia, un arresto


Iscriviti alla Newsletter di OggiTreviso. E' Gratis

Ogni mattina le notizie dalla tua città, dalla regione, dall'Italia e dal mondo


 

 


| modificato il:

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×