16 giugno 2021

Nord-Est

Crisanti denunciato per diffamazione, scatta la petizione di solidarietà

Il Veneto che Vogliamo ha lanciato una raccolta firme diretta al microbiologo

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

Andrea Crisanti

VENEZIA - Pochi giorni fa Azienda Zero, l’ente del Servizio sanitario regionale veneto, ha depositato una denuncia per diffamazione nei confronti del microbiologo Andrea Crisanti.

Il motivo? Le critiche espresse pubblicamente dal professore ordinario di microbiologia all’Università di Padova, avrebbero screditato le strategie di prevenzione adottate dalla Regione Veneto contro il Covid 19”.

 E oggi, in segno di solidarietà, Il Veneto che vogliamo, il movimento civico che alle ultime elezioni regionale ha sostenuto la candidatura di Arturo Lorenzoni, ha lanciato una petizione su change.org diretta a Crisanti. “Siamo tra i tantissimi veneti che un anno fa hanno conosciuto la sua competenza scientifica e la sua disponibilità a mettersi a disposizione del sistema sanitario pubblico per difendere la comunità veneta dalla pandemia da Covid-19. Siamo altrettanto consapevoli del fatto che è merito della sua preparazione e del suo impegno se la “prima ondata” del virus è stata contenuta in Veneto”.

In queste ore siamo stupiti del fatto che lei venga accusato di diffamazione da Azienda Zero, cioè dai vertici di quella sanità pubblica veneta che grazie al suo insostituibile contributo è stata celebrata come vincitrice della sfida al Covid” - prosegue la lettera - “Non pensiamo solo, moralisticamente, che le sia riservato questo trattamento invece di rivolgerle i ringraziamenti che le sono dovuti. Siamo, invece, ben consapevoli che questa denuncia ha ragioni politiche e arriva alla fine di un percorso politico iniziato con la sua esautorazione dalla guida della battaglia contro la pandemia in Veneto".

Possiamo solo esprimerle la nostra totale solidarietà di fronte a questa accusa. E siamo certi che la nostra solidarietà è quella di tanti Veneti, del personale sanitario, delle famiglie colpite dal Covid e di quelle che ne sono state finora immuni, dei tanti nostri concittadini che apprezzano le sue competenze scientifiche e che, come lei, sono determinate a non piegare la testa di fronte al potente di turno”.

La petizione in poche ore ha già raccolto oltre 700 sottoscrizioni. 

 


| modificato il:

foto dell'autore

Isabella Loschi

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×