25 febbraio 2021

Italia

Covid, Nas di Roma: possibili altri sequestri di farmaci non autorizzati

Si tratta di confezioni di Lianhua Qingwen Jiaonang, un prodotto non autorizzato dall'Aifa nel nostro Paese. Il capitano Santori commenta: "Raggio d'azione in tutto il Paese"

|

|

foto d'archivio

ROMA - In un'operazione che ha coinvolto i Carabinieri del Nas di Roma e di Prato, sono stati sequestrati 437 farmaci illegali cinesi, di cui 88 riconducibili alla cura del Covid-19.

Si tratta di confezioni di Lianhua Qingwen Jiaonang, un prodotto non autorizzato dall'Aifa nel nostro Paese ma in vendita in erboristerie, supermarket e parafarmacie della comunita' cinese. Il Capitano Maurizio Santori, dei Nas di Roma, interpellato dall'agenzia Dire, ha spiegato che il raggio d'azione dei Nas coinvolge l'intero territorio nazionale e si indaga anche su possibili vendite illegali di vaccini anti-Covid. 

Avete individuato la rete illegale che ha fatto circolare il prodotto cinese?
"Stiamo tuttora ricostruendo la rete di vendita del farmaco. Anche i colleghi di Prato hanno sequestrato il prodotto, parliamo complessivamente di 437 confezioni tra cui unguenti e creme, 88 di questi prodotti sono riconducibili alla cura del Covid e hanno un costo di 20 euro a confezione, ognuna contiene 24 pillole. Al momento stiamo ricostruendo le operazioni di vendita attraverso le attivita' di riscontro che sono partite su Roma e Prato, dove piu' grandi sono le comunita' cinesi ma sono state allertate tutte le 38 unita' nazionali della tutela della salute dei Carabinieri. Nelle prossime ore potrebbero esserci ulteriori sequestri".

Di che rete parliamo e il commercio di questo prodotto avviene sia nei negozi fisici che online?
"Sappiamo che la vendita avveniva anche online e stiamo verificando, con l'Istituto superiore di sanita', se le sostanze contenute all'interno delle confezioni poste sotto sequestro siano anche tossiche, non avendo l'autorizzazione in commercio da parte di Aifa. Il farmaco illegale anti-Covid, nello specifico il 'Lianhua Qingwen Jiaonang', non riguardava solo acquirenti cinesi, anzi non escludiamo che fosse acquistato anche da italiani". -

Il sequestro di questo prodotto era gia' avvenuto durante il primo lockdown. Questo secondo sequestro parte da quell'attivita' di indagine?
"Il sequestro di ieri e' partito dalle piazze del quartiere Esquilino a Roma ma il suo raggio di azione e' piu' ampio, tanto che il sequestro durante il lockdown e' legato solo parzialmente a questo. I prodotti sotto sequestro arrivano in Italia dalla Cina in vari modi, anche tramite corrieri, per questa ragione si attendono eventuali esiti delle indagini della Procura di piazzale Clodio, a Roma. Per adesso il sequestro dei prodotti e' penale ma gli esercenti non sono stati multati, i Nas intanto proseguono nei controlli anche dei vaccini anti-Covid, per verificare che sia rispettato il protocollo di gestione, conservazione e le direttive nazionali previste".

 


| modificato il:

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×