10 aprile 2020

Vittorio Veneto

Zaia ricorda Iroso: "Era un vero alpino"

| commenti |

| commenti |

Zaia ricorda Iroso:

VITTORIO VENETO - "Come tutti i veri alpini, anche il generale Iroso non è morto, è semplicemente andato avanti, per restare comunque sempre nei nostri cuori". Così il presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, ricorda l'epopea del mulo Iroso, l'ultimo mulo alpino rimasto in vita, con la matricola 212 ancora stampigliata sullo zoccolo, che oggi, a 40 anni, è "andato avanti", come usano dire gli alpini di un loro commilitone che non c'è più.

 

"Tante volte ci siamo incontrati con Iroso - ricorda Zaia - e ogni volta era come ritrovare un vecchio amico, non solo un animale di accarezzare e rispettare. Un amico degli alpini, di noi grandi come dei tanti bambini che se ne innamorarono incontrandolo, all'adunata degli alpini di Treviso 2017, come in occasione del suo compleanno che festeggiammo a Vittorio Veneto. In lui c'è stata una fierezza straordinaria, con la quale ha rappresentato tanti valori: l'alpinità, la storia del nostro territorio, l'identità del Veneto e delle genti di montagna".

 

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

immagine della news

29/04/2019

E' morto Iroso

E' venuto a mancare durante la notte l’ultimo mulo alpino rimasto in vita

immagine della news

12/02/2019

Il mulo innamorato

Iroso, l’ultimo mulo dell’esercito, è rimasto vedovo. Ma per poco…

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×