22/06/2024sereno

23/06/2024pioggia debole

24/06/2024poco nuvoloso

22 giugno 2024

Cronaca

'Fleximan' ha un volto, c'è un indagato a Rovigo

E' sospettato di cinque 'abbattimenti' di autovelox in Polesine

|

|

Fleximan

ROVIGO - Ha un volto, anche se per ora è sospettato solo di cinque episodi su un totale di almeno una quindicina, il misterioso "Fleximan" che dall'estate scorsa si è autoproclamato vendicatore degli automobilisti vessati dagli autovelox, quasi sicuramente emulato da altri 'seguaci' in Veneto e altrove. I Carabinieri di Adria e del Nucleo operativo radiomobile di Rovigo hanno denunciato un uomo di 42 anni, un "soggetto noto" residente in Polesine ma nato a Padova.


La sua casa è stata perquisita e sono stati sequestrati elementi necessari e finalizzati all'indagine, che saranno sottoposti a perizia. Nei suoi confronti è ipotizzato il reato di danneggiamento aggravato a beni esposti per necessità o consuetudine alla pubblica fede, e per interruzione di pubblico servizio. I cinque danneggiamenti sono quelli avvenuti nei Comuni polesani di Bosaro - due volte, a maggio e luglio dello scorso anno - Corbola e Taglio di Po, nello stesso giorno, alla vigilia di Natale, e Rosolina, il 3 gennaio scorso. I Carabinieri hanno eseguito accertamenti sui luoghi e sugli impianti di videosorveglianza, accertamenti di natura tecnica, riscontri su tabulati e celle telefoniche, denunce e segnalazioni. La Procura di Rovigo ha avviato un accertamento tecnico con le garanzie della difesa sul contenuto di quanto è stato rinvenuto nella perquisizione e sottoposto a sequestro.


 Non è certo, anzi è poco probabile, che l'indagato possa essere responsabile di tutti i danneggiamenti - una quindicina in tutto - firmati da "Fleximan" in circa un anno. Sono altre tre in Veneto, le Procure che hanno avviato gli accertamenti su attentati a pali degli autovelox, e sono Belluno, Padova e Treviso. La modalità dei vandalismi è la stessa: il palo che sorregge la telecamera viene segato alla base con la mola elettrica - il 'flex' - e abbandonato a terra. In qualche episodio l'autore ha lasciato anche un volantino di "rivendicazione". Atti che hanno suscitato sdegno negli amministratori locali, ma anche sostegno in rete da automobilisti allergici ai limiti; il Procuratore di Treviso, Marco Martani, ha messo in guardia da certe solidarietà, che potrebbero configurare anche una denuncia per apologia di reato.


 I 'vendicatori' dell'autovelox hanno sconfinato anche in Lombardia, dove il palo è stato trovato abbattuto e buttato in una scarpata in provincia di Bergamo, sulla statale 42 ad Albano Sant'Alessandro. In Piemonte invece è stato preso e denunciato l'emulo locale del sabotatore veneto, un 50enne che avrebbe sradicato, nella notte tra l'11 e il 12 novembre scorso, due colonnine per il rilevamento della velocità lungo la strada statale 337 della Val Vigezzo, nel comune di Druogno.


Iscriviti alla Newsletter di OggiTreviso. E' Gratis

Ogni mattina le notizie dalla tua città, dalla regione, dall'Italia e dal mondo


 

 



Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×