12/06/2024possibili piogge

13/06/2024nubi sparse e temporali

14/06/2024velature sparse

12 giugno 2024

Castelfranco

Posata la prima pietra del nuovo (micro) nido comunale a San Vito di Altivole

Il Sindaco Busnardo: “Opera da oltre 1milione di euro per rispondere alle crescenti richieste delle famiglie residenti”

|

|

Posata la prima pietra del nuovo (micro) nido comunale a San Vito di Altivole

ALTIVOLE - È stata posata questa mattina la prima pietra del “BrioNido Comunale”, il nuovo micro nido comunale a San Vito di Altivole in via Brioni, un’opera del valore di 1milione e 50mila euro, di cui 756mila 500 euro di Fondi PNRR. La struttura ospiterà circa 30 bambini nella fascia 0-3 anni. Durante la cerimonia sono intervenute, oltre al Sindaco Chiara Busnardo, l’Assessore all’Istruzione della Regione del Veneto Elena Donazzan e la Presidente del Comitato dei Sindaci ULSS del distretto di Asolo.

fine dei lavori da parte della ditta aggiudicataria del bando di gara, l’impresa Merotto Bau, è prevista per l’estate 2025 in modo che il servizio possa iniziare a settembre 2025. “L’opera risponderà alle esigenze delle famiglie altivolesi che in numero crescente manifestano la necessità di iscrivere i propri figli al nido. Nel 90% delle famiglie lavorano entrambi i genitori e sempre più spesso anche i nonni, si tratta di cambiamenti che determinano nuove esigenze a cui rispondere con i necessari investimenti”, spiega il Sindaco Chiara Busnardo.

“Da un confronto con le famiglie e con le strutture attualmente dedicate alla fascia 0-3 è emerso che i servizi attivi nel territorio comunale - il MicroNido Sant’Antonio ad Altivole e il Nido in famiglia L’elefantino a Caselle - sono molto apprezzati, al punto che non riescono però ad accogliere tutti i bambini delle famiglie residenti che richiedono l’iscrizione. Sappiamo che la denatalità è legata a questioni non solo culturali ma anche strutturali. Come Comune, nella consapevolezza che la genitorialità va sostenuta creando le condizioni favorevoli e promuovendo nuova vitalità nella società, abbiamo scelto di partecipare al bando PNRR per il nuovo asilo nido, l’ottenimento dei fondi è stato prezioso per dare avvio a questa importante opera”. Le famiglie si sono fermate anche dopo la cerimonia per condividere un momento di svago con i propri figli, facendo un tuffo nel passato con l’intrattenimento “Ludobus” a cura della cooperativa sociale Altri Colori, con giochi in legno e desunti dalla tradizione dei giochi di una volta.



 

 



Leggi altre notizie di Castelfranco
Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×