18/04/2024nubi sparse

19/04/2024velature lievi

20/04/2024pioviggine e schiarite

18 aprile 2024

Nord-Est

Nella sanità mancano gli Oss, corsi di riparazione per i bocciati

Esami di 'riparazione' in Veneto per gli aspiranti operatori socio sanitari (Oss) che non avevano superato la prova per accedere alla professione

|

|

oss

Esami di 'riparazione' in Veneto per gli aspiranti operatori socio sanitari (Oss) che non avevano superato la prova per accedere alla professione. Un modo con cui la sanità regionale cerca di recuperare personale per le corsie degli ospedali, dove mancano circa 3.500 operatori socio sanitari. I corsi di recupero, una prova scritta e, se superata questa, una pratica, sono iniziati da Treviso dove 21 dei 32 candidati 'di ritorno' sono stati promossi e hanno ottenuto il titolo per iniziare la professione.

 

Gli enti individuati dalla Regione per gli esami di recupero sono l'Enaip e il Codess: altrette sessioni sono in programma a giugno e ad ottobre 2024. "La scelta della Regione Veneto di prevedere una seconda possibilità per questi operatori - ha detto l'assessore alla formazione Elena Donazzan - è stata lungimirante, perché ha intercettato le esigenze del territorio, rispondendo alla necessità di reperire nuovi professionisti, e ha potuto dare soddisfazione alle aspirazioni professionali di tante persone motivate all'interno della regione".

 

"Ci sono molte ragioni - ha aggiunto - per le quali un candidato può fallire una prova: l'emozione, problemi personali, difficoltà linguistiche. Era importante non disperdere il capitale umano e l'investimento formativo di 1000 ore". Complessivamente, negli ultimi tre anni erano stati avviati 147 corsi per Oss nelle diverse province del Veneto. Dei 3.471 partecipanti - il 15% stranieri, l'85% candidati donne, il 65% con un titolo di studio superiore - il 6-7 % non era riuscito a superare l'esame di qualifica.

 

 


| modificato il:

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×