12 dicembre 2019

Metodo spinto

Categoria: Altro - Tags: spumante, trentodoc, Trentino, Metodo classico, Michela Pierallini, Vino birichino, wine blog

Michela Pierallini | commenti | (1)

Metodo spinto

80 % Chardonnay e 20 % Pinot nero, uve provenienti dalla zona di Mori in Trentino, altitudine 400/500 metri.

Buono!

Come non essere attratta dall’etichetta di questo vino? Da lontano sobbalzo poiché leggo POPCORN –oddio, hanno avuto la mia stessa idea (clicca qua)- ma da vicino realizzo che si tratta di PORCOM.

Un vino che pizzica…

Mi diverto troppo davanti a sorprese come questa, è la natura stessa del vino che rende giocoso ciò che è serio senza togliere la serietà. 

 

 

 è la natura stessa del vino che rende giocoso ciò che è serio senza togliere la serietà. 

 

 

Mi butto nella mischia e mi faccio testimonial volontaria.

 

 

L’origine di questo vino è raccontata da uno dei presenti. 

Questo spumante è nato per gioco / scommessa quattro anni fa, con un gruppo di vignaioli dell'Alto Adige. Un giorno abbiamo inserito in degustazione alla cieca il nostro spumante ed è risultato il più gradito, allora uno dei produttori ci disse scherzando: ha vinto il prodotto " del mas dei dilettanti", così è nata l'idea del nome e dell'etichetta e abbiamo festeggiato con la presentazione scherzosa a questa manifestazione”.

 

La manifestazione è seria e su invito, i produttori presenti hanno vini preziosi e riconosciuti a livello internazionale. Perciò questo spumante infiltrato è proprio una 'ganzata'.

Porto a casa una bottiglia.

Piacevole bevuta, di quelle che metti giù il bicchiere soltanto perché di vino non ce n’è più. Un perlage importante e una bella struttura hanno accompagnato con decisione la faraona arrosto con patate.

Buona la persistenza, simpatica l’etichetta, ottima l’idea di giocare e divertirsi come il vino vorrebbe.

Alla salute!



Commenta questo articolo


In un commento postato questa mattina sul blog di Francesca Salvador, Michele Bastanzetti accusa alcuni commentatori ed anche la blogger, probabilmente, di essere fiancheggiatori di chi sgozza esseri umani, del terrorismo islamico. E' un' affermazione priva di fondamento, ma grave e pericolosa.

Michele Bastanzetti
03/09/2014 - 7:19
LA BARBARIE TRA DI NOI
I fondamentalisti dell’Isis hanno sgozzato un altro giornalista. Pura,spregevole barbarie. E ciò che lascia vieppiù attoniti è che persino tra di noi, persino in questo blog ci sia gente che fiancheggia questa barbarie.

segnala commento inopportuno

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×