18/06/2024pioggia e schiarite

19/06/2024velature lievi

20/06/2024poco nuvoloso

18 giugno 2024

Conegliano

INQUINAMENTO: CONEGLIANO SI ATTIVA

Il Comune ha avviato nuove misure per combattere l'inquinamento atmosferico

| |

| |

Conegliano. Il Comune adotta azioni e provvedimenti d’emergenza per limitare l’immissione in atmosfera di inquinanti che compromettono la qualità dell’aria.

Sul fronte del traffico urbano è stato introdotto l'obbligo di spegnere il motore in caso di fermata prolungata. In particolare sono tenuti a spegnere il motore i conducenti di autobus nella fase di stazionamento ai capolinea, i conducenti di veicoli merci durante le fasi di carico/scarico e i conducenti di autoveicoli e motoveicoli, quando effettuano soste di durata maggiore di un minuto. L'obbligo vale anche per i diesel.

L'amministrazione coneglianese ha preso in considerazione anche i "falò" inopportuni, vietando a chiunque di attivare combustioni all’aperto, in particolare in ambito agricolo e di cantiere. Sfuggono al divieto i tralci da potatura ma solo quando soggetti ad obbligo di combustione con finalità antiparassitaria per disposizione regionale.

Altro fonte per la lotta all'inquinamento atmosferico è il riscaldamento: il Comune proibisce di riscaldare cantine, ripostigli, scale che collegano spazi di abitazione con cantine, box, garage e depositi. Negli edifici riscaldati con impianti termici non alimentati a combustibile gassoso, è fatto obbligo che la temperatura negli ambienti di vita non sia superiore a 19°C. Va inoltre ridotto di due ore (con un massimo di 12 ore totali d’accensione giornaliera) il periodo giornaliero di accensione degli impianti termici.

Sono ovviamente esonerati dall’applicazione di queste norme gli impianti alimentati con combustibile a basso impatto ambientale (come l'aquadiesel o il biodiesel).

"A questo provvedimento dobbiamo sommare la validità dell'ordinanza sulle domeniche a piedi fino al 31 marzo - spiega il sindaco, Alberto Maniero - Negli ultimi anni i dati stanno mostrando miglioramenti sensibili, se consideriamo che si è passati dai 79 sforamenti del 2004 ai 62 del 2007. Merito senza dubbio delle migliori condizioni atmosferiche e anche ritengo dei provvedimenti assunti grazie agli eco-incentivi e allo stimolo verso una mobilità sostenibile, a mezzo bicicletta e autobus. Tuttavia c'è ancora molto da fare, soprattutto per quanto concerne le nostre abitudini quotidiane, l'utilizzo dei riscaldamenti e soprattutto dei mezzi privati".

Il traffico urbano è, infatti, aumentato del 5% tra il 2006 e il 2007. "Molto preoccupante questo dato - commenta l'assessore all'ambiente Claudio Toppan - che registra un peggioramento delle nostre abitudini di vita, sempre più legate all'uso del mezzo privato. Le novità introdotte in merito al trasporto su autobus, la nuova pista cilabile sul canale Emanuele Filiberto, gli eco-incentivi che saranno riproposti in primavera, la settimana della mobilità sostenibile in settembre, le biciclette pubbliche nei parcheggi scambiatori danno opportunità alla cittadinanza per incidere positivamente sull'ambiente e sull'aria che respiriamo".

PM 10, chi è il nemico della qualità dell'aria

La sigla PM10 identifica materiale presente nell'atmosfera in forma di particelle microscopiche, il cui diametro è uguale o inferiore a 10 millesimi di millimetro. Si tratta di polvere, fumo, microgocce di sostanze liquide.

Le principali fonti di PM10 sono:

*    Sorgenti naturali: l'erosione del suolo, gli incendi boschivi, le eruzioni vulcaniche, la dispersione di pollini, il sale marino
*    Sorgenti legate all'attività dell'uomo: processi di combustione (tra cui quelli che avvengono nei motori a scoppio, negli impianti di riscaldamento, in molte attività industriali e nelle centrali termoelettriche) usura di pneumatici, freni e asfalto.

Inoltre, una parte rilevante del PM10 presente in atmosfera deriva dalla trasformazione in particelle liquide di alcuni gas (composti dell'azoto e dello zolfo) emessi da attività umane.

Nelle aree urbane il traffico veicolare è la principale fonte del PM10 (circa l'80%).

 


| modificato il:

Leggi altre notizie di Conegliano
Leggi altre notizie di Conegliano

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×