25/02/2024parz nuvoloso

26/02/2024pioggia debole

27/02/2024rovesci di pioggia

25 febbraio 2024

Sport

Altri Sport

Tre trevigiani a medaglia agli europei di ciclismo

Si tratta di Andrea Bessega e Andrea Montagner, che corrono per la Borgo Molino Rinascita Ormelle di Roncadelle, e Soraya Paladin, 30 anni, di Cimadolmo

|

|

Tre trevigiani a medaglia agli europei di ciclismo

ORMELLE-CIMADOLMO - Il Mixed Relay Juniores si tinge di azzurro ai Campionati Europei a Drenthe, in Olanda, il Team Relay Élite conquista la medaglia d’argento. Due atleti Andrea Bessega e Andrea Montagner, che corrono per la Borgo Molino Rinascita Ormelle di Roncadelle, e Soraya Paladin, 30 anni, di Cimadolmo

Andrea Bessega (di Sacile), Luca Giaimi, Andrea Montagner (di Valeriano), Eleonora La Bella, Alice Toniolli (nata a Trento nel 2005 e vive a Mezzocorona) e Federica Venturelli sono più forti anche della sfortuna e superano Germania (a 25”) e Francia (a 34”) al termine di una rimonta che, a metà gara, appariva impossibile.

Entusiasta il commento del presidente della Borgo Molino Vigna Fiorita di Roncadelle Pietro Nardin: "Questo risultato è il frutto del tanto lavoro svolto dal nostro team in sinergia con la nazionale italiana. La nostra società ha da sempre un occhio di riguardo per le prove contro il tempo e per le cronometro a squadre, raggiungere questo traguardo in una specialità giovane e complessa come la mixed relay è un risultato ancor più prestigioso". 

"Montagner (di Valeriano, Pordenone) e Bessega (di Sacile) sono due atleti al primo anno ma hanno già dimostrato in diverse occasioni di avere a disposizione un grande potenziale. Siamo felici che abbiano regalato alla nazionale italiana questa gioia e voglio fare i miei complimenti ai tecnici azzurri per averli guidati verso questo successo" ha aggiunto il direttore sportivo Cristian Pavanello. 

L’Italia conquista la medaglia d’argento agli Europei, specialità Mixed Team Relay Elite, alle spalle dei vice campioni del mondo della Francia che sopravanza gli Azzurri di soli 4”. Non sono la manciata di centesimi che ci privarono, esattamente un anno fa, del titolo mondiale in Australia nel 2022, ma in qualsiasi caso lasciano un po’ di amaro in bocca. 

L’Italia, anche senza Ganna e Longo Borghini si è confermata nell'elite europea che, guardando anche i risultati di Glasgow, vuol dire mondiale. Questa volta a superarci per un’inezia è stata la Francia mentre la Svizzera è naufragata. Il terzetto maschile, composto da Mattia Cattaneo, Matteo Sobrero ed Edoardo Affini, ha fatto registrare i migliori riscontri crono lungo i 20 chilometri del percorso, lasciando distante le dirette avversarie per il successo finale.

Bene anche la prova delle donne. Elena Cecchini (moglie di Elia Viviani, 31 anni di Udine), Vittoria Guazzini e Soraya Paladin (30 anni die Cimadolmo-Treviso) avevano il difficile compito di conservare il vantaggio nei confronti di compagini storicamente più strutturate come Olanda, Svizzera, Germania e Francia. Riescono a farlo fino a metà della loro prova, poi perdono lentamente solo nei confronti delle transalpine: “I ragazzi hanno costruito un bel margine che abbiamo provato a conservare.. un po’ brucia essere arrivati secondi” dice Soraya Paladin. 

Sandro Bolognini

 

Le società Sportive

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×