19/10/2017tempo nebbioso

20/10/2017tempo nebbioso

21/10/2017variabile

19 ottobre 2017

Treviso

Tiramisù: "è trevigiano, lo dice la storia"

Il consigliere regionale Barbisan propone la nuova cartellonista stradale per la città di Treviso

commenti |

tiramisù

TREVISO - "Tutte le fonti documentarie e l'etimologia concordano: il Tiramisù è trevigiano e per questo propongo al Consiglio regionale una Risoluzione ad hoc". Lo rileva il consigliere regionale Riccardo Barbisan, vicepresidente del gruppo consiliare della Lega Nord, il quale ricorda che "per determinare l'autenticità di un'opera d'arte un criterio fondamentale, e immancabile, è quello delle fonti documentarie: ebbene, applicando questo principio imprescindibile, non vi sono dubbi: il Tiramisù è trevigiano". Barbisan su Facebook ha pubblicato la futura cartellonista stradale della città di Treviso: sotto la scritta “Treviso” compare la dicitura: “Città del tiramisù”.

 Rispetto alle recenti diatribe Barbisan non ha dubbi: "in letteratura - chiarisce - la prima citazione del Tiramisù è quella di Giuseppe Maffioli e lo stesso Maffioli, ancora nel 1981, indicò nel ristorante “Le Beccherie” di Treviso il luogo natale di questa straordinaria invenzione. A contendere l' ideazione originaria della ricetta delle “Beccherie” vi è l'antesignana “Coppa Imperiale”  ideata al Ristorante “Al Fogher” in onore della Regina di Grecia in visita a Treviso negli anni Cinquanta, mentre anche l'Accademia della Cucina Italia, e già con Giovanni Capnist, aveva indicato la Marca e Treviso come culla di questo dolce. Se seguiamo i criteri con cui gli storici attribuiscono autenticità ad un'opera d'arte - osserva -, e il Tiramisù è una invenzione geniale trevigiana  e non vi possono essere dubbi. Del resto tiramesù è parola chiaramente veneta".

"L'ipotesi a cui sta lavorando il presidente Zaia, quella della certificazione Dop o Igp - conclude Barbisan - ben riassume la valenza della tutela necessaria non solo verso il consumatore, ma anche per i produttori, i pasticceri e le aziende artigianali del dolce,  e per il territorio che vede così promossa la sua capacità di attrarre visitatori. Un marchio, e la certificazione della ricetta, sono fattori economici, in grado di produrre lavoro e di avere un effetto volano per l'economia locale. Per questo chiedo che il Consiglio regionale del Veneto riaffermi, come recita il dispositivo della mia risoluzione che il Tiramisù,  come è tradizionalmente inteso, appartiene unicamente e  inscindibilmente al patrimonio culinario, storico, culturale ed etnografico della regione del Veneto ed in particolare della Città di Treviso". 

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

immagine della news

07/08/2017

Tira tira tiramisù

Il Friuli ‘scippa’ al Veneto la paternità di uno dei dolci più noti al mondo

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.922

Anno XXXVI n° 18 / 19 ottobre 2017

CAPORETTO

Caporetto: la disfatta che viene dal passato. Immagini di guerra. Di attacchi (subdoli) e di resa. Caporetto è il simbolo della disfatta per antonomasia. E un secolo non basta per dimenticare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×