13 dicembre 2019

Nord-Est

Litiga con i vicini marocchini e innggia a Hitler, indagata per crimini contro l'umanità

commenti |

commenti |

Litiga con i vicini marocchini e innggia a Hitler, indagata per crimini contro l'umanità

PADOVA - Ha insultato in maniera violenta una immigrata e suo figlio e per questo una donna padovana di 59 anni è indagata per il reato di apologia dei crimini contro l'umanità, minacce e percosse con l'aggravante della legge Mancino.

 

Il pm euganeo, Sergio Dini, chiuse le indagini vuole portare la donna a processo. La relazione fatta dai carabinieri è precisa, testimoni loro stessi, in parte, di ciò che è avvenuto il 22 aprile scorso quando sono stati chiamati dal marito della vittima, una marocchina, che era stata aggredita dalla 59enne. La miccia che avrebbe portato all'incandescenza l'indagata, riferiscono i quotidiani locali, si è accesa per futili motivi, tipici delle liti di vicinato.

 

Secondo quanto accertato l'immigrata è stata oggetto di offese, anche di stampo razzista che non si sarebbero placate nemmeno alla presenza dei carabinieri. La padovana, avrebbe non solo preso a calci la marocchina, da 20 anni in Italia, ma avrebbe pronunciato frasi razziste, piuttosto violente, facendo tra l'altro riferimento a Hitler e invocando la morte degli immigrati, insulti in parte proferiti anche in presenza degli investigatori.

 

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×