29/06/2017piovaschi e schiarite

30/06/2017parz nuvoloso

01/07/2017possibile temporale

29 giugno 2017

Conegliano

"Conegliano sarà uno stato indipendente"

La proposta del candidato del Popolo della Famiglia Damiano. L'idea di un gemellaggio con New York

commenti |

VITTORIO VENETO - Conegliano come “stato indipendente, esempio e immagine per tutti i comuni d’Italia”: è la proposta altisonante del candidato sindaco del Popolo della Famiglia, Lorenzo Damiano, che martedì sera si è presentato alla cittadinanza al teatro “Toniolo”.

 

“Per stringere accordi con altri soggetti politici e commerciali, per ampliare i mercati e per rilanciare il brand di Conegliano nel mondo, non serve certo chiedere il permesso alla Provincia e tantomeno alla Regione – dichiara Damiano - Conosco personalmente molti politici, ambasciatori e imprenditori, provenienti dall’Europa, dagli Stati Uniti e dalla Russia, e posso assicurarvi che potenziare le aziende del coneglianese, oltre che dare vita a molti progetti di rilancio della cultura e dell’arte avvalendomi anche della loro autorità, diventa un compito che come primo cittadino non avrei difficoltà a realizzare”.

 

L’idea di Damiano è quindi quella di un sindaco-manager, che gestisca in modo autonomo politiche economiche di respiro internazionale, senza intermediari. “Non solo strade e piste ciclabili – prosegue l’esponente del Popolo della Famiglia - ma anche un vero e proprio rilancio del brand della città attraverso rapporti istituzionali e progetti veri portati in Europa e condivisi con realtà amministrative e imprenditoriali di alto livello, capaci di portare nuovamente interesse e ricchezza alla cittadinanza”.

 

Le altre promesse del candidato sono a dir poco ambiziose: “Sono pronto ad aprire canali con la Merkel se serve, oppure a sfruttare le mie esperienze imprenditoriali negli Stati Uniti e l’amicizia con esponenti di spicco. A Conegliano come amministrazione ospiterò ad esempio l’ex sindaco Giuliani di New York”.

 

E proprio nella Grande Mela il futuro sindaco vuole indire una conferenza stampa con le principali testate giornalistiche a stelle e strisce, tra cui il New York Times, per presentare il suo progetto di gemellaggio con la città del Cima.

 

Ma non è tutto: “Inviterò personaggi del cinema del calibro di Danny De Vito e George Clooney – anticipa Damiano - per rilanciare anche il settore cinematografico e della cultura”. La volontà del candidato è infatti quella di creare un’università della musica all’interno di un’area verde realizzata all’ex Zanussi.

 

Commenta questo articolo


Loading...

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.916

Anno XXXVI n° 12 / Giovedì 22 giugno 2017

C'ERA UNA VOLTA VIA CAPRERA

Lo sceriffo Gentilini ce l’ha ancora nel cuore. Tanto da prendere carta e penna e scrivere al Quindicinale. Per far memoria di una strada che era “centro commerciale urbano”. Dove si trovava il cementista, lo zoccolaio, lo stradin, l’osteria col servizio di carrozze....

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×