05 maggio 2021

Vittorio Veneto

Vuoi studiare o lavorare all'estero? Ti aiuta Anita

Vittoriese (col bagaglio colmo di esperienze) fonda una start up che offre consulenze per partire preparati

| Stefania De Bastiani |

immagine dell'autore

| Stefania De Bastiani |

Vuoi studiare o lavorare all'estero? Ti aiuta Anita

VITTORIO VENETO - Ha accompagnato al tavolo Kate Moss e Gwyneth Paltrow, quando faceva la receptionist al Baretto di Londra, ha lavorato come cameriera in bar e ristoranti, come commessa in vari negozi e boutique della City, ha partecipato alla campagna per il referendum sul cambio del sistema elettorale inglese, ha fatto uno stage in parlamento a Westminster, ha lavorato in un pub irlandese a Girona, in Spagna, mentre studiava lingua e letteratura spagnola. E’ stata l’assistente del capo di un’agenzia partner di Microsoft e ha fatto uno stage alla 350.org, organizzazione di San Francisco che si occupa di ambiente. E il tutto mentre si laureava alla London metropolitan University in relazioni internazionali ed economia politica, frequentando un semestre alla San Francisco State University, in California, per poi tornare in Inghilterra e completare il percorso di studi al King’s College, con un master in Public service policy e management.

 

Non basterebbe una giornata, per raccontare le esperienze professionali di Anita Da Ros che, nonostante il ricchissimo curriculum vitae, ha solo 27 anni. La ragazza, si può davvero dire, le ha fatte tutte. E, nella carrellata di esperienze di Anita, non abbiamo nemmeno citato l’anno e mezzo alla Previnet Spa, dove gestiva i fondi pensionistici della NATO, l’esperienza alla PerMicro, società di microfinanza prestiti per cui gestiva l’ufficio di Mestre, il corso con Umana per commerciale estero, e l’arrivo tra i 10 finalisti - erano 1800 i candidati - per lavorare al fianco del Ceo di Adecco Italy per un mese, e l’impegno, che tuttora porta avanti, nella gestione dei Milan Camp del Nordest.

 

Anita, che a 27 anni potrebbe (già) aver voglia di riposarsi, ha invece pensato (bene) di far tesoro delle proprie esperienze. Di mettersi al servizio degli altri e rendere più facile ciò che per lei non è stato semplice. Anita ha fondato una start up per aiutare i ragazzi che vogliono partire, andare all’estero: per studio, per lavoro, per imparare una lingua o crescere professionalmente. Per frequentare l’Università, per trascorrere una vacanza studio. La società fondata dalla 27enne vittoriese si chiama kiiva-international.com e viene gestita da Anita e dalla socia inglese, una ragazza che lavora in un’Università di Londra.

 

“In tutte le cose che ho fatto - racconta Anita - non sono mai stata aiutata né avevo conoscenze, semplicemente mi sono impegnata e ho cercato di fare molte esperienze, sia di lavoro che di studio. Ma avere un aiuto come quello che può dare kiiva.international.com permette ai ragazzi di risparmiare tempo, denaro e non lasciarsi sfuggire importanti opportunità. La preparazione del CV è fondamentale, ad esempio, e la collaborazione con la mia socia inglese dà la possibilità di sostenere un "finto" colloquio in inglese su Skype. Noi cerchiamo di indirizzare la persona verso le realtà più idonee alle sue richieste, ci occupiamo delle noiose e a volte complicatissime operazioni burocratiche. Insomma, facciamo tutto ciò che serve a preparare la persona a trovare e affrontare un nuovo lavoro o un percorso di studi all’estero”.

 

Vere e proprie consulenze, quelle che Kiiva International offre. “Incontri one to one in cui capiamo le esigenze dell’interessato e diamo tutte le informazioni necessarie - puntualizza Anita - Puntiamo molto sullo Student Finance, l’opportunità di studiare in paesi come l’Irlanda del Nord, l’Inghilterra o il Galles e avere le tasse universitarie finanziate. Un’opportunità unica di cui pochissimi conoscono l’esistenza”.

 

“Io ho sempre vissuto il cambiamento come una costante nella mia vita  - si racconta la ragazza - ed è una cosa che adoro (change è il mio motto) per questo motivo sono sempre alla ricerca di nuovi progetti, nuove cose da imparare, nuove lingue, viaggi. Leggere e conoscere persone che ti raccontano di culture diverse perché credo che tenendo aperte varie strade sicuramente una di queste ti porta a raggiungere un qualcosa che magari non potevi nemmeno immaginare fosse possibile”.

E sulle varie strade Anita accompagna i ragazzi, ma anche i più adulti. Indirizzandoli e facendo capire loro - con il suo esempio, i suoi consigli e il suo supporto pratico - che una strada per crescere si trova sempre. "Il mondo è pieno di opportunità - spiega Anita - e conoscerle è l'unico modo per sfruttarle".

 


| modificato il:

foto dell'autore

Stefania De Bastiani

SEGUIMI SU:

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×