23/04/2024pioggia

24/04/2024pioggia

25/04/2024pioviggine e schiarite

23 aprile 2024

Vittorio Veneto

Vittorio Veneto, scoppia la polemica: "Hanno riscritto la storia della nostra città"

L'ironico post di Rinascita Civica: "Nel consiglio comunale del 26 luglio, quello dedicato al PAT, è stata svelata una notizia che ha dell'incredibile"

| Roberto Silvestrin |

immagine dell'autore

| Roberto Silvestrin |

vittorio veneto

VITTORIO VENETO - “Nel consiglio comunale del 26 luglio, quello dedicato al PAT, è stata svelata una notizia che ha dell'incredibile: Lotario, nipote di Carlo Magno, imperatore Carolingio, re di Francia e d'Italia, è morto a Ceneda nell'anno 552. Non è quindi vero quello che hanno finora scritto gli storici, che è vissuto tra il 795 e l’855 e che è morto in Germania”. È quanto si legge nell’ironico post di Rinascita Civica, gruppo rappresentato in consiglio comunale da Mirella Balliana e Alessandro De Bastiani.

 

“Non sappiamo se tutti siano in grado di cogliere l'importanza di questa scoperta, la cui ricaduta turistica potrebbe superare i benefici delle Colline del Prosecco Unesco – recita ancora il post -. Se qualcuno intendesse avanzare dubbi su questa straordinaria scoperta, dovrebbe solo andare a leggere la Relazione Generale del PAT che, nero su bianco, primo firmatario il sindaco Antonio Miatto, è stata votata favorevolmente dalla maggioranza leghista. Studiosi di tutta Europa, andate a correggere i vostri libri di storia! Amministratori cittadini, a questo punto vanno presi provvedimenti immediati”.

 

Secondo Rinascita Civica, l’errore consisterebbe in uno “scambio di persona”: la figura storica morta a Ceneda sarebbe infatti un mercenario dell’epoca, e non l’imperatore Lotario. “Il sindaco deve avviare subito una interlocuzione con il governo francese per coordinare le future iniziative celebrative, l'assessore ai lavori pubblici deve indire con massima urgenza una gara di idee per un monumento atto a celebrare adeguatamente l'avvenimento, l’assessore all'istruzione deve intervenire entro l'inizio del prossimo anno scolastico per far correggere i libri di testo, l'assessore alla cultura deve stornare i fondi dedicati alla figura di Lorenzo da Ponte destinandoli all'imperatore, l'assessore al turismo dia subito l'incarico a una agenzia di comunicazione per rilanciare l'Immagine del Re Lotario – concludono i consiglieri -. Il Castello di San Martino, sicuramente la residenza dove Lotario morì, va trasformato in museo per accogliere le migliaia di turisti in arrivo. Insomma, c’è tanto da fare. Vittorio Veneto ha una nuova insperata opportunità. Non va perduta”.

 


Iscriviti alla Newsletter di OggiTreviso. E' Gratis

Ogni mattina le notizie dalla tua città, dalla regione, dall'Italia e dal mondo


 

 

 



foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×