30/01/2023poco nuvoloso

31/01/2023sereno

01/02/2023velature lievi

30 gennaio 2023

Vittorio Veneto

Vittorio Veneto risparmia sul riscaldamento pubblico: "Niente costo fisso, con gli impianti spenti non pagheremo"

Venerdì sera il punto verrà votato dal consiglio comunale: l’ente intende rinnovare il contratto con “Bim Piave Nuove Energie srl”, ma sul piatto ci sono anche delle importanti novità

| Roberto Silvestrin |

immagine dell'autore

| Roberto Silvestrin |

riscaldamento vittorio veneto

VITTORIO VENETO - Il comune rinnova il contratto e risparmia sul riscaldamento degli edifici pubblici. Venerdì sera il punto verrà votato dal consiglio comunale: l’ente intende rinnovare il contratto con “Bim Piave Nuove Energie srl”, ma sul piatto ci sono anche delle importanti novità.

 

“Con il nuovo contratto introduciamo alcune modifiche – spiega il sindaco Antonio Miatto -. Con il nuovo documento non avremo più un costo fisso: se spegneremo un impianto, non pagheremo. In questo modo pagheremo solo i consumi effettivi. Il contratto è modulabile nel tempo anche in base al consumo reale”.

 

A inizio settembre il Ministero della transizione ecologica ha pubblicato il regolamento per "realizzare da subito risparmi utili a livello europeo a prepararsi a eventuali interruzioni delle forniture di gas dalla Russia". Tra le misure previste c'è la riduzione di 1 grado per il riscaldamento degli edifici, da 17 con più o meno 2 gradi di tolleranza per gli edifici adibiti ad attività industriali, artigianali e assimilabili, da 19 con più o meno 2 gradi di tolleranza per tutti gli altri edifici.

 

"I limiti di esercizio degli impianti termici sono ridotti di 15 giorni per quanto attiene il periodo di accensione (posticipando di 8 giorni la data di inizio e anticipando di 7 giorni la data di fine esercizio) e di 1 ora per quanto attiene la durata giornaliera di accensione", si legge nel regolamento.

 



foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×