01/07/2022nubi sparse e temporali

02/07/2022sereno

03/07/2022poco nuvoloso

01 luglio 2022

Vittorio Veneto

Vittorio Veneto, manifesti contro la guerra in città: "No war, impossibile tacere di fronte a tanto orrore"

Da oggi gli spazi pubblicitari del comune di Vittorio Veneto ospitano i manifesti contro la guerra commissionati dal gruppo consiliare "Rinascita Civica-Partecipare Vittorio"

| Roberto Silvestrin |

immagine dell'autore

| Roberto Silvestrin |

Vittorio Veneto, manifesti contro la guerra in città:

VITTORIO VENETO - “Nonostante l’enorme senso di impotenza che ci pervade, ci è impossibile tacere di fronte a tanto orrore”. Da oggi gli spazi pubblicitari del comune di Vittorio Veneto ospitano i manifesti contro la guerra commissionati dal gruppo consiliare "Rinascita Civica-Partecipare Vittorio". Si tratta di due opere del noto artista vittoriese Giancarlo Dell’Antonia, “Fotogramma nucleare” e “Quello che resta”.

 

“Il popolo ucraino, quello russo e quelli di tutti i paesi coinvolti attualmente in operazioni di guerra hanno diritto alla pace – sostiene il gruppo di minoranza -. Chi ha scelto le armi per attuare un’odiosa invasione si è messo indubbiamente dalla parte del torto, determinando un danno incommensurabile per le ragioni della pace e del progresso. Risorse indispensabili per soddisfare le esigenze delle persone vengono sperperate in armamenti micidiali. Oltre al conflitto in Ucraina si combatte in Yemen, Siria, Birmania e in molte altre zone del pianeta. Avere una stima precisa è difficile: anche le mappe più attendibili usano parametri diversi. Così per alcune organizzazioni le guerre attualmente in corso sono 27, per altre sono 59”.

 

“È scandaloso che i governi europei, compreso quello italiano, approfittino di questa tragedia per aumentare le spese militari, foraggiando i signori della guerra a discapito dei popoli – aggiunge il gruppo -. Ricordiamo che la costituzione italiana ripudia la guerra (tutte!) come strumento di offesa alla libertà di altri popoli e come mezzo di soluzione delle controversie internazionali, che non si risolvono con le armi ma con le trattative. Ci uniamo a chi chiede l’immediato cessate il fuoco, la risoluzione pacifica del conflitto, lo stop alla folle corsa al riarmo”.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×