07/02/2023sereno

08/02/2023sereno

09/02/2023sereno

07 febbraio 2023

Vittorio Veneto

"Vittorio Veneto deve sostenere la lotta delle donne iraniane. Non possiamo rimanere zitti"

I consiglieri di Rinascita Civica-Partecipare Vittorio, hanno depositato una mozione “a sostegno della lotta delle donne, dei giovani e del popolo iraniano per la liberazione dal sistema di oppressione che domina l’Iran”.

| Roberto Silvestrin |

immagine dell'autore

| Roberto Silvestrin |

iran vittorio veneto

VITTORIO VENETO - “Non possiamo rimanere indifferenti di fronte alle proteste che vedono protagonisti le giovani donne e gli uomini iraniani in rivolta per rivendicare il rispetto dei diritti umani”. Mirella Balliana e Alessandro De Bastiani, consiglieri comunali di Rinascita Civica-Partecipare Vittorio, sabato mattina hanno depositato una mozione “a sostegno della lotta delle donne, dei giovani e del popolo iraniano per la liberazione dal sistema di oppressione che domina l’Iran”.

 

“Considerato che la violenza di genere e la sopraffazione dei diritti fondamentali dell'uomo sono problemi globali, ancora una volta siamo chiamati a schierarci dalla parte di chi con coraggio scende nelle piazze e protesta all'interno delle scuole e delle università, sfidando un regime teocratico che usa la violenza contro ogni forma di dissenso, violenza che ha causando la morte di un centinaio di persone e l'arresto di migliaia di attivisti”, sostengono Balliana e De Bastiani.

 

“Siamo solidali con le attiviste iraniane che stanno lottando per l'eliminazione di ogni forma di discriminazione, contro le violenze domestiche, contro il "delitto d'onore" e per l'abolizione dell'utilizzo forzato del velo – aggiungono i consiglieri di minoranza -. La legge contro la violenza di genere da poco approvata dal parlamento iraniano evidenzia dei grossi limiti verso l'autodeterminazione e la libertà della donna”.

 

La mozione chiede al consiglio comunale di “esprimere piena solidarietà ai giovani, alle donne e agli uomini iraniani e di condannare con fermezza ogni atto di violenza e repressione esercitato nei confronti di una generazione che chiede a piena voce il rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali”. Il documento chiede al sindaco di “attivarsi nei modi e nelle sedi opportune affinché analoga mozione sia adottata da altre amministrazioni comunali e venga comunicata al Presidente della Repubblica, al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Presidente della Regione Veneto e all’Ambasciata dell’Iran”.

 

I cittadini, le molte associazioni, assieme alla comunità iraniana si incontreranno per una riflessione e per un sit in di solidarietà sabato 15 ottobre alle ore 16,00 in piazza Flaminio a Serravalle. Il tema è molto sentito e la prossima settimana è in programma anche a Treviso in piazza Borsa un sit-in, per giovedì 13 ottobre alle 19.

 

 

 


| modificato il:

foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×