25/01/2022nubi sparse

26/01/2022nuvoloso

27/01/2022nebbia

25 gennaio 2022

Vittorio Veneto

Vittorio Veneto, caos sulle riaperture di bar e ristoranti: "Non era più logico servire al tavolo anche all'interno?"

Ascom Vittorio Veneto scrive al Ministero dell'Interno

| Roberto Silvestrin |

immagine dell'autore

| Roberto Silvestrin |

vittorio veneto

VITTORIO VENETO - Bar e ristoranti hanno riaperto all’esterno, ma le nuove disposizioni generano dubbi e incertezze. E così Ascom Vittorio Veneto, con una lettera firmata dalla direttrice Antonella Secchi, si è rivolta al Ministero dell’Interno. Nella circolare che dovrebbe spiegare l’articolo 4 dell’ultimo decreto, infatti, si legge che “il servizio al banco rimarrà possibile in presenza di strutture che consentano la consumazione all’aperto”.

 

Come va intesa la frase? “È ammesso prelevare i prodotti al banco (interno) dei locali, ma gli stessi prodotti devono essere consumati, da seduti, all’esterno?” chiede Secchi.

 

“Si crea quindi un viavai di clienti che si avvicendano al bancone per poi spostarsi nell’area esterna? - continua la direttrice – Non era più logico servire al tavolo anche all’interno, secondo i criteri e le disposizioni a suo tempo indicate, rispettose di distanziamenti e norme igienico-sanitarie?” I dubbi riguardano anche i plateatici.

 

“Cosa si intende per aperto? - aggiunge Secchi – Sembra ragionevole ritenere consentito anche il servizio all’interno di verande esterne o dehors con strutture/coperture complesse, a condizione che vengano mantenute “aperte” una o più pareti perimetrali?”

 


| modificato il:

foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×