15 agosto 2020

Vittorio Veneto

Vittorio Veneto, burocrazia per ottenere i 500 euro per le imprese: "Complicato, servirà un professionista"

In poche ore, arrivate le prime 70 domande in municipio

| Claudia Borsoi |

immagine dell'autore

| Claudia Borsoi |

Piazza del Popolo

VITTORIO VENETO – Non si placano le polemiche sul bonus da 500 euro stanziato dal Comune a favore delle micro-imprese danneggiate dal coronavirus. Dopo che ieri, 1 luglio, è stato pubblicato il bando, la segreteria del Partito Democratico vittoriese denuncia come «sia stato partorito un vero e proprio "mostro burocratico"» in riferimento a ciò che gli interessati sono chiamati a compilare per richiedere in municipio il contributo.

 

«Per avere i 500 euro le imprese dovranno attraversare un labirinto burocratico per pochi, con ben due moduli, un form online e una domanda di 4 complicatissime pagine, e probabilmente si dovranno appoggiare ad un professionista per la compilazione, facendo diminuire quindi l'introito» evidenzia il Pd. «Li capisco – replica il vicesindaco Gianluca Posocco -: era lo stesso dubbio che era venuto a me, ma alla luce delle domande già pervenute in municipio, una settantina alle 11 di stamane, il problema non se l’è posto chi ha inviato i moduli. Anche a me sembravano complicati e ne abbiamo discusso con gli uffici. A quando pare le attività produttive sono più avanti e allenate con la burocrazia italiana. Nessuno ha comunque chiamato per lamentarsi, né ho avuto feedback negativi da chi ho interpellato».

 

La segretaria del Pd evidenzia poi come il bonus del Comune verrà tassato: «Da una prima lettura del provvedimento questa misura contribuisce a formare la base imponibile contributiva per i singoli imprenditori. E poi, anche se non è detto chiaramente nelle comunicazioni, le imprese devono sapere che "chi prima arriva meglio alloggia", perché non è detto che i fondi basteranno per tutti». «Quanto alla tassazione – replica Posocco – sono le regole fatte dal loro Governo: hanno ragione, si lamentino con Roma. Mi spiace – conclude - che quando bisogna essere uniti, si crei sempre la polemicuccia. Se muoiono le attività commerciali, muore città».

 


| modificato il:

foto dell'autore

Claudia Borsoi

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×