22 giugno 2021

Rugby

Rugby

Vittoria Benetton nel derby contro le Zebre

Il match tra italiane di Monigo finisce 34-27 per Treviso

|

|

foto Benetton

TREVISO - Allo stadio Monigo di Treviso è in programma il terzo round della Guinness PRO14 Rainbow Cup dei Leoni, con il Benetton Rugby che affronta in casa le Zebre, nel ritorno del derby dopo quello di una settimana fa a Parma. Gli uomini di Kieran Crowley sono reduci da due successi nei primi due turni, l’ultimo fa riferimento proprio al derby d’andata vinto per 20-25. I Ducali nelle prime due giornate hanno raccolto due gettoni, frutto di due punti di bonus difensivo. I biancoverdi proveranno a confermare le ottime prove dimostrate contro Glasgow e i parmensi.

Nel primo tempo il Benetton Rugby soffre il dinamismo delle Zebre e non riesce a sciorinare un gioco convincente in campo aperto. I Ducali passano in vantaggio grazie ad un piazzato di Canna, ma nel finale della prima frazione Duvenage e compagni piazzano un uno-due micidiale. La prima meta è segnata da Halafihi, la seconda da Ioane e i trevigiani vanno negli spogliatoi forti del 14-3 a proprio favore.

Nella ripresa i Leoni finalmente macinano gioco e scavano un break importante con i sigilli di Lucchesi e Padovani, scappando sul 31-13. Le Zebre nei minuti finali hanno due sussulti con Biondelli e Violi, ma ormai è tardi e i biancoverdi esultano per il 34-27 finale e per il terzo successo in tre turni di Rainbow Cup.

CRONACA PARTITA

Pronti, via e Hayward con una lunga gettata respinge le offensive dei Ducali. Le Zebre avrebbero una punizione da distanza siderale, ma l’ex Rizzi non centra i pali. I Leoni tentano di progettare attacchi importanti, ma per alcuni errori di gestualità non riescono a impensierire gli ospiti. Poi i parmensi trovano il varco giusto con il neoentrato Canna, ma un in avanti di Violi blocca le Zebre. A metà primo tempo Alongi si infortuna e deve lasciare il campo per Riccioni. La gara dei padroni di casa non decolla e c’è una penalità dei biancoverdi su una rimessa a favore delle Zebre. Dal fallo conseguente Canna è preciso e sblocca il risultato.

I Leoni devono togliersi un po’ di ruggine di gioco e al 35′ finalmente esprimono il loro gioco migliore con l’ovale in mano. Duvenage fa scatenare Hayward, poi c’è il rapido ribaltamento di fronte e un magico offload di Negri consegna a Toa Halafihi – terza meta consecutiva per il numero 8 dei padroni di casa – il pallone da schiacciare per la prima meta della serata trevigiana. Garbisi trasforma da posizione defilata. Al gong del primo tempo arriva inoltre la seconda marcatura del Benetton Rugby. Monty Ioane recupera il possesso e tramite un calcetto da maestro scavalca Fusco ed è formidabile ad andare in meta grazie ad un’invenzione personale. Garbisi converte ancora e il primo tempo termina con i Leoni avanti 14-3.

All’uscita dall’intervallo le Zebre trovano subito la meta che riapre la gara con D’Onofrio. Kieran Crowley decide quindi di inserire Herbst, Favretto e Lucchesi per Cannone, Ruzza ed Els. Proprio Gianmarco Lucchesi si mette immediatamente all’opera. Prima conquista un turnover nei 22 dei Ducali, poi guida il successivo maul debordante e al 46′ timbra la terza meta dei biancoverdi. Garbisi è preciso per la terza volta dalla piazzola. Passano un paio di giri di lancette e i parmensi hanno una nuova punizione favorevole.

Canna ingrassa di tre punti il bottino degli ospiti e il punteggio dice 21-13 per i Leoni. E’ tempo dell’ingresso di Braley per capitan Duvenage, ma soprattutto è ora per il Benetton Rugby di sancire la quarta meta della serata di Monigo, valevole per il punto di bonus offensivo. C’è un multifase dei Leoni che hanno un vantaggio, ma continuano ad attaccare, l’ovale arriva a Brex che imbecca Edoardo Padovani, ex di giornata, veloce al 55′ a sgusciare via ai difensori parmensi e a marcare la segnatura pesante, la seconda filata nel derby. Il mediano d’apertura dei Leoni aggiunge ancora due punti ai suoi. Dopodiché Ruzza deve tornare in campo al posto di Favretto, vittima di un colpo alla testa.

I biancoverdi ora sono padroni del match e al 65′ sfruttano una penalità degli ospiti, con Paolo Garbisi che dalla piazzola porta i trevigiani in vantaggio per 31-13. A dieci minuti dalla fine entra Tavuyara per Padovani. Pochi secondi dopo Biondelli trova la seconda meta delle Zebre, Canna trasforma. I Ducali non mollano e fissano un’altra marcatura grazie ad un’azione veloce terminata da Violi, Canna converte ancora e gli ospiti tornano sotto sul 31-27. I Leoni però difendono forte negli ultimi minuti e Hayward con uno slalom portentoso guadagnano una punizione vitale. Paolo Garbisi rifinisce una serata perfetta al calcio e sigla la punizione che vale il 34-27 finale a favore del Benetton Rugby.

Per i Leoni è la terza vittoria – quella di stasera vale 5 punti considerando il punto di bonus offensivo aggiuntivo – su tre giornate di Rainbow Cup. Il Benetton Rugby che ora è in vetta all’Emisfero Nord della competizione con 14 punti.

BENETTON TREVISO - ZEBRE RUGBY - 34-27

Marcature: 24′ p. Canna, 35′ meta Halafihi tr. Garbisi, 40′ meta Ioane tr. Garbisi; 44′ meta D’Onofrio tr. Canna, 46′ meta Lucchesi tr. Garbisi, 49′ p. Canna, 55′ meta Padovani tr. Garbisi, 65′ p. Garbisi, 71′ meta Biondelli tr. Canna, 74′ meta Violi tr. Canna,

Note: Trasformazioni: Benetton Rugby 4/4 (Garbisi 4/4); Zebre Rugby: 3/3 (Canna 3/3). Punizioni: Benetton Rugby: 2/2 (Garbisi 2/2); Zebre Rugby: 2/3 (Rizzi 0/1, Canna 2/2). Man of the match: Sebastian Negri (BEN).

Benetton Rugby: 15 Jayden Hayward, 14 Edoardo Padovani (70′ Ratuva Tavuyara), 13 Nacho Brex, 12 Marco Zanon, 11 Monty Ioane, 10 Paolo Garbisi, 9 Dewaldt Duvenage (54′ Callum Braley), 8 Toa Halafihi (59′ Manuel Zuliani), 7 Michele Lamaro, 6 Sebastian Negri, 5 Federico Ruzza (44′ Riccardo Favretto, 63′ Federico Ruzza), 4 Niccolò Cannone (44′ Irné Herbst), 3 Filippo Alongi (21′ Marco Riccioni), 2 Corniel Els (44′ Gianmarco Lucchesi), 1 Thomas Gallo (59′ Ivan Nemer).
Head Coach: Kieran Crowley.

Zebre Rugby Club: 15 Michelangelo Biondelli, 14 Alessandro Fusco, 13 Tommaso Boni (c) (40′ Guglielmo Palazzani), 12 Enrico Lucchin, 11 Giovanni D’Onofrio, 10 Antonio Rizzi (10′ Carlo Canna), 9 Marcello Violi, 8 Renato Giammarioli, 7 Lorenzo Masselli (52′ Potu Junior Leavasa), 6 Iacopo Bianchi, 5 Mick Kearney (47′ Samuele Ortis), 4 Leonard Krumov, 3 Alexandru Tarus (47′ Eduardo Bello), 2 Marco Manfredi (52′ Luca Bigi), 1 Paolo Buonfiglio (60′ Daniele Rimpelli).
A disposizione: 23 Maxime Mbandà.
Head coach: Michael Bradley.
 

 

Altri Eventi nella categoria Rugby

Lutto a Mogliano, si è spento l'imprenditore Lucio Marin
Lutto a Mogliano, si è spento l'imprenditore Lucio Marin

Rugby

È stato per un biennio presidente della locale società di Rugby

Lutto a Mogliano, si è spento l'imprenditore Lucio Marin

MOGLIANO - Si è spento in queste ore Lucio Marin, imprenditore, titolare della Marin srl, azienda che opera nel settore della sicurezza.

Ecco il XV trevigiano per la storica finale di Rainbow Cup
Ecco il XV trevigiano per la storica finale di Rainbow Cup

Rugby

Si gioca a Monigo contro la formazione sudafricana dei Bulls

Ecco il XV trevigiano per la storica finale di Rainbow Cup

TREVISO - È tutto pronto per il grande finale. Questo weekend i Leoni tornano in campo e aspettano i Vodacom Bulls a Treviso. Per il Benetton Rugby domani (ore 18.30) è in programma allo stadio Monigo la finale della Guinness PRO14 Rainbow Cup.

Le società Sportive

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×