26 ottobre 2021

Treviso

"A Villorba un assessorato all'ambiente per vigilare sulle conseguenze della Pedemontana"

La proposta di Villorba in Azione

|

|

pedemontana

VILLORBA - “L’ambiente non può più aspettare, a Villorba serve uno specifico assessorato all’Ambiente che di fatto non c’è mai stato”.

La proposta arriva dalla candidata sindaco Silvia Barbisan di “Villorba in azione”. “Le sfide che ci aspettano sono epocali e richiedono figure ad alta competenza, che possano facilitare il cambiamento radicale cui siamo chiamati. Ad esempio, stanno per arrivare risorse ad hoc dal Recovery Fund e l’amministrazione comunale deve accompagnare le aziende villorbesi nella riconversione green della propria produzione. Penso a bandi, snellimento della burocrazia, occasioni di collaborazione tra pubblico e privato".

Ma non solo: "Le falde acquifere sono un problema strutturale per il territorio villorbese e la costruzione della nuova Pedemontana, se non vigilata, potrebbe aggravare la situazione: ecco che un assessorato ad hoc può esser l’organo istituzionale più adatto a monitorare la questione”.

Villorba in azione propone anche misure per la riduzione dell’emissione di CO₂: “Con una rete di teleriscaldamento possiamo fornire acqua calda a numerose abitazioni e agli uffici pubblici della frazione di Villorba. La cartiera e Burgo Energia condividono un cogeneratore che origina a ciclo continuo acqua calda (il cosiddetto cascame termico), oggi riversata nella Piavesella: un vero spreco di preziosa energia. Dotando invece le abitazioni di un semplice scambiatore, sarebbe possibile pensionare tante vecchie caldaie a combustione, contenendo le emissioni di anidride carbonica. Si tratta di un percorso lungo, che richiede compromessi e accordi con interlocutori di una certa rilevanza, ma pensiamo sia il modo sostenibile e moderno di guidare un comune”.

 


| modificato il:

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×