16 ottobre 2021

Treviso

VERSO L'8 MARZO. Le due Tine del Veneto che hanno fatto la storia dell'Italia repubblicana

La Cisl di Belluno e Treviso ricorderà con uno spettacolo on line la Anselmi e la Merlin

| Roberto Grigoletto |

immagine dell'autore

| Roberto Grigoletto |

VERSO L'8 MARZO. Le due Tine del Veneto che hanno fatto la storia dell'Italia repubblicana

TREVISO - Per la festa dell’8 marzo, la Cisl di Belluno e Treviso ha pensato di fare memoria di due grandi donne venete che hanno contribuito a fare la storia del nostro Paese nel secondo dopoguerra: Tina Anselmi e Tina Merlin. Democristiana di Castelfranco Veneto la prima - e prima anche ministro donna delle Repubblica nel 1976; trichianese la seconda, comunista scrittrice e giornalista de L’Unità, sulle cui pagine denunciò coraggiosamente il prima e il dopo della tragedia del Vajont.“

Due donne di alto profilo - evidenza la responsabile del Coordinamento Donne della Cisl e Fnp Belluno Treviso Alessia Salvador - di appartenenze politiche differenti, unite dal coraggio e dall’intelligenza. Pensiamo alle tante leggi importanti fatte approvare da Anselmi in Parlamento e al Servizio Sanitario Nazionale, sua grande conquista, ma anche alla lotta per la verità sul Vajont condotta dalla giovane e caparbia Merlin”. Venerdì 12 marzo alle 18 in tutti i canali social della Cisl locale e nel sito web dell’Organizzazione sindacale www.cislbellunotreviso.it sarà trasmesso lo spettacolo teatrale “Alla radice del sogno” di Daniela Mattiuzzi, con Patricia Zanco e Miranda Cortes alla fisarmonica, per le riprese e il montaggio video di Corrado Ceron e Alberto Bedin. Uno spettacolo che racconta la storia di due donne che si sono distinte per la passione e l’impegno civili. Sempre dalla parte dei più deboli e impegnate sul fronte dei diritti delle lavoratrici e dei lavoratori, portando avanti spesso battaglie tutt’altro che semplici. “

Abbiamo scelto di celebrare la ricorrenza della Festa della Donna rendendo omaggio a due persone di alto profilo istituzionale, sociale, sindacale, politico e professionale che hanno scelto di mettere la loro vita a servizio della comunità - afferma il segretario generale della Cisl Belluno Treviso Massimiliano Paglini -. Anselmi e Merlin avevano due caratteristiche in comune: essere donna ed essere tenaci e caparbie nel perseguire i loro ideali. Hanno segnato in maniera indelebile la storia d’Italia e dei nostri territori, rimangono due pilastri nella storia dei nostri territori e dell’intero Paese, due esempi da seguire e a cui ispirarsi nell’ancora lungo percorso verso la parità di genere nella società e nel mondo del lavoro. Basti pensare che anche in questa drammatica fase di crisi legata alla pandemia, a subirne le conseguenze peggiori sono ancora una volta le donne”.

Lo spettacolo online sarà visibile alle 18 di venerdì 12 marzo sui canali Facebook e YouTube della Cisl Belluno Treviso e sul sito, vuole anche richiamare l’attenzione sul dramma dei lavoratori del settore, fermi da un anno a causa delle restrizioni imposte dalla pandemia: attori, scenografi, registi, sceneggiatori, ballerini, musicisti, ma anche dipendenti delle imprese dei service audio-luci e video, costumisti, tecnici. “In questa fase - sottolinea Paglini - è necessario garantire a questi lavoratori e lavoratrici sostegni adeguati e certi, ma anche programmare le riaperture dei luoghi della cultura in sicurezza, per salvaguardare l’occupazione: la dispersione di queste professionalità comporterebbe una perdita di un inestimabile patrimonio di competenze”.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Roberto Grigoletto

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×