27 ottobre 2021

Nord-Est

Vanda Pradal nuova presidente di Avis Regionale: prima donna in 53 anni alla guida dell’associazione

Succede al mestrino Giorgio Brunello

|

|

Vanda Pradal nuova presidente di Avis Regionale: prima donna in 53 anni alla guida dell’associazione

VENETO - Vanda Pradal è la nuova presidente di Avis Regionale Veneto. È stata eletta dal nuovo Consiglio Direttivo di Avis, che rimarrà in carica fino al 2025. Di Sernaglia della Battaglia, la Pradal è volto noto in Avis, dove ha ricoperto molti ruoli. È stata presidente dell’Avis di Falzè di Piave e ha da poco concluso il secondo mandato da presidente dell’Avis provinciale di Treviso.

 

“Ringrazio i consiglieri regionali per la fiducia accordatami – è stata la sua prima dichiarazione – è con umiltà che mi prendo questo impegno importante che spero, con l’aiuto di tutti, di svolgere al meglio. Sono davvero grata di avere questa grande opportunità di contribuire a far crescere l’Avis regionale e di farla valere in Veneto e non solo. Ritenendo che gli obiettivi si raggiungano solo con il lavoro di squadra, su questo punterò nei miei quattro anni di mandato. Le prossime forti sfide saranno l’applicazione totale o il rinnovo del quarto Piano sangue e plasma regionale, la gara di plasmaderivazione e l’incremento dei donatori”.

 

Pradal è la prima donna presidente nella storia dell’Avis regionale Veneto. “Ma spero di non esser stata eletta per questo. Non sono per le quote rosa a tutti i costi, ma per le competenze, intelligenze e per l’esperienza. Sono questi i valori da perseguire, assieme agli altri che per me sono fondamentali come la trasparenza, l’etica e la condivisione”. Con la nuova presidente siedono per la prima volta in direttivo altre sette donne. Nei prossimi giorni si delineeranno anche i vari ruoli all’interno della nuova compagine. Vanda Pradal succede al mestrino Giorgio Brunello. OT

 


| modificato il:

Dello stesso argomento

immagine della news

01/08/2021

Carenza di sangue, l’appello di AVIS: "Doniamo adesso"

I dati nazionali indicano una flessione nella raccolta di globuli rossi. A rischio le terapie per i pazienti acuti e cronici. Il presidente Briola: «Prima di partire per le vacanze, prenotiamo la nostra donazione»

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×