18/08/2022temporale

19/08/2022pioggia debole e schiarite

20/08/2022poco nuvoloso

18 agosto 2022

Esteri

Vaiolo delle scimmie, Oms: "Casi Europa triplicati in 2 settimane"

Verso revisione del giudizio: si potrebbe arrivare a dichiarare l'emergenza

|

|

Vaiolo delle scimmie, Oms:

MONDO - "I casi di vaiolo delle scimmie sono triplicati nella regione europea" dell'Organizzazione mondiale della sanità "nelle ultime 2 settimane". A breve, l'Oms potrebbe rivedere la posizione per cui sinora la diffusione della malattia non è stata considerata un'emergenza. In Europa è stato registrato "quasi il 90% di tutti i contagi confermati in laboratorio e segnalati a livello globale da metà maggio. E dalla mia ultima dichiarazione del 15 giugno, 6 nuovi Paesi e aree, per un totale di 31, hanno segnalato casi" di Monkeypox virus.

 

Complessivamente, il bilancio è salito a "oltre 4.500 contagi confermati in tutta la regione", come evidenzia Hans Kluge, direttore di Oms Europa, dipingendo un quadro serio, con numeri in aumento rapido e continuo: "La regione europea rimane al centro di questo focolaio in espansione", avverte. "La maggior parte dei casi" di vaiolo delle scimmie "riportati finora hanno interessato persone tra i 21 ei 40 anni di età e il 99%" dei contagiati "sono uomini, con la maggior parte, fra coloro per i quali abbiamo informazioni in merito", rappresentata da "uomini che hanno rapporti sessuali con uomini. Tuttavia - precisa Kluge - sono stati segnalati piccoli numeri di casi anche tra familiari, contatti eterosessuali e contatti non sessuali, nonché tra i bambini". "Laddove le informazioni sono disponibili - continua il numero uno di Oms Europa - quasi il 10% dei pazienti è stato ricoverato in ospedale per terapie o isolamento, e un paziente è stato ricoverato in terapia intensiva. Fortunatamente, finora non risultano morti. La stragrande maggioranza dei casi" di infezione "si è presentata con un'eruzione cutanea e circa 3 quarti hanno riportato sintomi sistemici come febbre, affaticamento, dolore muscolare, vomito, diarrea, brividi, mal di gola o mal di testa".

 

"Sebbene la scorsa settimana il Comitato di emergenza Ihr" dell'Organizzazione mondiale della sanità "abbia concluso che l'epidemia di vaiolo delle scimmie in questa fase non dovrebbe essere considerata emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale (Pheic)", secondo Kluge, "la rapida evoluzione e la natura di emergenza dell'evento significano che il Comitato rivedrà la sua posizione a breve. Nel frattempo, l'Oms continua a valutare il rischio di vaiolo delle scimmie nella regione europea come elevato - sottolinea - considerata la continua minaccia per la salute pubblica e la veloce espansione della malattia, con continue sfide che ostacolano la nostra capacità di risposta e con ulteriori casi segnalati tra donne e figli".

 



Dello stesso argomento

immagine della news

16/07/2022

Covid, Oms: "Resta pericoloso"

Kluge: "Godesri estate ma in sicurezza". Tedros: "Preoccupa aumento contagi e morti inaccettabilmente alte"

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×