07/02/2023sereno

08/02/2023sereno

09/02/2023sereno

07 febbraio 2023

Castelfranco

Un convegno a Castelfranco per celebrare l'impegno civile e politico di Tina Anselmi

Il convegno del 19 maggio sarà il primo di una serie di appuntamenti ideati per valorizzare e celebrare la politica castellana scomparsa nel 2016.

| Leonardo Sernagiotto |

immagine dell'autore

| Leonardo Sernagiotto |

Tina Anselmi

CASTELFRANCO - A poche settimane dalla premiazione del concorso del 25 aprile intitolato a Tina Anselmi, debutta con un primo convegno a lei dedicato: “Tina Anselmi: una vita per la Repubblica”. L’appuntamento, che si terrà giovedì 19 maggio presso il Teatro Accademico, è nato dalla collaborazione con Cisl Veneto e con il patrocinio dell’Ufficio Scolastico regionale per il Veneto dalla volontà dell’Amministrazione comunale di valorizzare e celebrare la figura della celebre castellana scomparsa nel 2016.

Nel corso del convegno del 19 maggio, prenderà la parola lo storico Mauro Pitteri, già autore di alcuni lavori editoriali su Tina Anselmi, con un intervento intitolato “Le scelte di Tina: dalla azione cattolica alla Cisl”, a seguito del quale interverrà Maria Teresa Sega, storica e membro dell’associazione “rEsistenze”, sul tema “La staffetta Gabriella”. Nel corso della serata sarà anche trasmesso il video “La partigiana Tina, intervista a Tina Anselmi” del 2004 e interverrà Massimilano Paglini, segretario generale di Cisl Belluno Treviso.

Il convegno vuole dare il via ad una stagione di iniziative, realizzati sotto il coordinamento della consigliera di maggioranza Mary Pavin, che avranno come filo conduttore la figura di Tina Anselmi, con l’obiettivo non solo di rendere onore ad una delle figure più significative di Castelfranco , ma anche di approfondirne il suo ruolo in quanto donna a livello sociale, professionale e politico.

La volontà dell’amministrazione comunale è infatti quella di diffondere la conoscenza e l’importanza di una concittadina come Tina Anselmi che, oltre ad aver dato tanto alla nostra comunità, ha contributo molto per il riscatto e la crescita del Paese attraverso la sua partecipazione alla Resistenza, l’attività sindacale, il suo impegno politico che le ha permesso di essere nominata da Andreotti nel 1976 primo ministro donna.

L’impegno sarà mirato a proporre iniziative trasversali in collaborazione con le istituzioni, gli enti e le realtà associative locali, la fondazione a lei dedicata e il mondo della scuola, attraverso eventi e proposte differenziare che vanno da convegni, corsi di formazione, mostre e la diffusione di un logo ad hoc realizzato dallo Ied di Milano.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Leonardo Sernagiotto

SEGUIMI SU:

Leggi altre notizie di Castelfranco
Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×