24 ottobre 2021

Conegliano

E' UN 17ENNE IL VANDALO DELLA LAPIDE

La polizia ha individuato il responsabile della distruzione della lapide dedicata ai Martiri Cecoslovacchi

| Milvana Citter |

| Milvana Citter |

Conegliano – Identificato dalla Polizia l’autore dell’atto vandalico ai danni della lapide dei Martiri Cecoslovacchi, Si tratta di un 17enne coneglianese simpatizzante dei movimenti di estrema destra.

Ce l’aveva con un cittadino ceco e per questo, nella notte tra il 13 e il 14 febbraio scorso ha divelto la lapide nell’omonima via. Questa la giustificazione resa da un giovane coneglianese, 17 anni e mezzo appena, che è stato identificato come l’autore del gesto.

Gli agenti sono arrivati a lui grazie alle testimonianze di due persone che quella notte lo avevano visto armeggiare intorno alla lapide. I due inizialmente non lo avevano denunciato, ma lo hanno poi raccontato agli agenti impegnati nelle indagini sul fatto.

Quando la polizia si è presentata a casa sua, il ragazzo si è dimostrato per nulla pentito anzi fiero e ben contento di poter finalmente rivendicare la paternità di un’azione che, nelle sue intenzioni, doveva essere punitiva nei confronti di un cittadino della Repubblica Ceca con cui aveva avuto una discussione qualche giorno prima.  Il giovane ha confessato di essere passato per caso davanti alla lapide quella sera e di aver ricordato il litigio decidendo di danneggiare la lapide. E’ tornato così a casa dove ha recuperato un grimaldello ed una spatola con i quali ha prima staccato la lapide per poi appoggiarla in terra e romperla a calci. Non contento ha poi scritto sul muro con una bomboletta spray, frasi riguardanti le foibe e contro “Tito assassino”.

Il 17enne, che è un simpatizzante di Forza Nuova, ha comunque ribadito di aver agito di sua iniziativa e non si è neppure reso conto di aver compiuto un errore storico. Si è, infatti, accanito contro una lapide che commemora alcuni soldati cecoslovacchi che durante la prima guerra mondiale furono giustiziati dagli austriaci dopo aver combattuto sul fronte del Piave accanto ai militari italiani.
Nella sua camera, nell’abitazione in cui vive con i genitori, gli agenti hanno trovato appese alle pareti numerose bandiere con simboli nazifascisti e articoli di giornale relativi a manifestazioni di Forza Nuova, alle foibe e ad azioni di stampo nazifascista.

Secondo la Polizia al momento si tratterebbe di un episodio isolato e non ci sarebbero elementi per collegare questo episodio con un altro grave atto vandalico nei confronti di un'altra lapide profanata, quella apposta nel sottopasso di via Tolmino e dedicata agli alpini caduti nella battaglia di Nikolajewka in Russia.

Per il 17enne è scattata una denuncia per danneggiamento aggravato e imbrattamento di cose altrui e la segnalazione al Tribunale dei Minori.

 


| modificato il:

Milvana Citter

Leggi altre notizie di Conegliano
Leggi altre notizie di Conegliano

Dello stesso argomento

immagine della news

17/10/2021

BUONA DOMENICA Fascisti no pasaran!

Duecentomila a Roma ieri per dire no alla violenza e a nuove forme di fascismo dopo l'assalto della settimana scorsa alla sede della Cgil.

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×