09 maggio 2021

Cronaca

Turismo vaccinale: molti paesi sfruttano le immunizzazione per proporre viaggi in vista della bella stagione

Ci si può vaccinare in Russia, ma anche alle Isole Mauritius. In Serbia la puntura è gratis, per volare Dubai un pacchetto tutto incluso a partire da 11.200 euro

| Ilaria Frare |

| Ilaria Frare |

Turismo vaccinale

ITALIA - Eurasian Travel, tour operator di Bologna, il primo ad approfittare del via libera di alcuni stati, ha iniziato ad organizzare veri e propri pacchetti turistici viaggio+vaccino con destinazione Russia: dichiarando alla dogana di viaggiare per motivazioni di cure mediche, non vi sono restrizioni all’ingresso nella Federazione. Di sicuro non sarà semplice gestire la lunga permanenza in Russia visto che, tra la prima e la seconda dose di Sputnik V, si devono attendere tre settimane. Proprio per questo i tour operator stanno cercando di mettere a punto dei pacchetti molto variegati per riempire la lunga attesa.

Ma anche in altri paesi si è deciso di sfruttare le immunizzazioni per proporre pacchetti viaggio in vista della bella stagione: il Knightsbridge Circle, un servizio di viaggi di lusso a Londra che addebita 25 mila sterline all’anno per l’adesione, propone viaggi a Dubai, con un pacchetto vaccino incluso a partire da 11.200 euro. Il club accoglie e fa volare nella città degli Emirati Arabi anche i non-membri, a condizione di avere più di sessantacinque anni o di essere affetti da comprovate malattie che li rendano categoria prioritaria per accedere alla vaccinazione.

Altro paese nel “mirino” degli operatori di viaggio è la Serbia dove, è notizia di pochi giorni fa, che vaccino sia disponibile per chiunque voglia farlo. Infatti, in questa piccola nazione di poco più di sette milioni di abitanti, l'immunizzazione di massa va a gonfie vele, tanto da aver somministrato una dose a 38 cittadini su 100. Per questo il Governo ha dato l'ok all'inoculazione del vaccino non solo a non- residenti e stranieri, ma anche i turisti occasionali, dando inoltre la possibilità di scegliere il farmaco "preferito" tra Pfizer, Moderna, Sputinik V, AstraZeneca e persino il cinese Sinopharm. La procedura è semplicissima: basta compilare un questionario sul portale del governo ed attendere il via libera a partire.

Per chi invece volesse volare un po' più distane, tra le opzioni disponibili ci sono le Isole Mauritius. Il governo di questo paradiso dell’oceano Indiano sud-occidentale, a 1.100 chilometri a Est del Madagascar, ha infatti annunciato di aver ampliato il suo piano vaccinale a tutti i visitatori internazionali a lungo periodo. In pratica, a tutti quelli che otterranno il visto cosiddetto “premium”, della durata minima di 180 giorni, sarà possibile richiedere un vaccino gratuito.

Un fenomeno, quello del turismo vaccinale, scoppiato in primis negli Stati Uniti, dove la Florida è stata “presa di mira” come una delle prime destinazioni per i viaggiatori a causa della politica iniziale di vaccinare chiunque avesse un età superiore ai sessantacinque anni. Con una precipitosa inversione di rotta lo “Sunshine State”, ha deciso di implementare nuove regole di identificazione, nel tentativo di indirizzare più vaccini ai suoi residenti, ma non prima di aver inoculato oltre 50.000 turisti e persone provenienti da fuori i confini dallo stato.

 

 



Ilaria Frare

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×