25/04/2024poco nuvoloso

26/04/2024nubi sparse

27/04/2024nubi sparse

25 aprile 2024

Nord-Est

Per Turetta in vista oggi un nuovo incontro col legale

Arrestato per l'omicidio dell'ex fidanzata Giulia, si trova nel reparto infermeria del carcere. Incontro col giudice martedì alle 10

|

|

Per Turetta in vista oggi un nuovo incontro col legale

VERONA - È atteso per oggi un nuovo incontro, dopo quello di sabato, tra Filippo Turetta, in carcere a Verona da due giorni per l'omicidio di Giulia Cecchettin, e il suo legale, l'avvocato Giovanni Caruso. Lo aveva annunciato lo stesso difensore quando aveva avuto il primo colloquio col 22enne dopo che era stato estradato dalla Germania.

Il faccia a faccia col difensore sarà importante per Turetta per la strategia difensiva in vista dell'interrogatorio in carcere davanti al gip di Venezia, fissato per domani. Il giovane dovrà scegliere se rimanere in silenzio, fare solo dichiarazioni spontanee o confessare, anche collaborando alle indagini e rispondendo alle domande.

Per ora resta detenuto nel reparto infermeria, dove pare dovrà stare ancora qualche giorno, per completare la fase di colloqui e valutazioni psicologiche e psichiatriche. Poi, sarà spostato nella sezione protetti, dove oltre ad essere sorvegliato a vista contro il rischio suicidio non avrà contatti, a suo tutela, con detenuti in carcere per altre tipologie di reati. Viene descritto come "tranquillo", ha chiesto di poter leggere libri e di incontrare i genitori, ma non potrà farlo prima dell'interrogatorio. Ieri ha incontrato anche il cappellano dell'istituto penitenziario. Intanto, il suo legale oggi avrà copia degli atti alla base dell'ordinanza di custodia cautelare per omicidio volontario aggravato e sequestro di persona.

L'interrogatorio di garanzia
E' previsto per domani, martedì, alle ore 10, l'interrogatorio di garanzia. Sarà la prima volta che Filippo potrà vedere negli occhi chi lo accusa, dopo la formale notifica dell'ordinanza di custodia avvenuta al suo arrivo all'aeroporto di Venezia. Con il gip Benedetta Vitolo, e il difensore del ragazzo, Giovanni Caruso, dovrebbe essere presente all'interrogatorio anche il pm Andrea Petroni, titolare del fascicolo. L'eventuale contestazione di aggravanti, come la premeditazione, potrebbe avvenire tuttavia in un secondo tempo, quando la Procura potrà disporre di elementi (come gli accertamenti sulla Fiat Punto di Filippo, l'esito dell'autopsia) al momento non in mano dei magistrati.

L'avvocato di Turetta, Giovanni Caruso, nel frattempo informa che estrarrà oggi la copia del fascicolo processuale a carico di Filippo. "Solo dopo - spiega il legale - potrò confrontarmi con il cliente per le scelte conseguenti in vista dell'interrogatorio di domani 28 novembre".

LEGGI ANCHE

Oggi Turetta vedrà il suo legale, domani colloquio davanti al magistrato


Iscriviti alla Newsletter di OggiTreviso. E' Gratis

Ogni mattina le notizie dalla tua città, dalla regione, dall'Italia e dal mondo


 

 


| modificato il:

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×