22/01/2022velature lievi

23/01/2022poco nuvoloso

24/01/2022foschia

22 gennaio 2022

Mogliano

Tumore al seno, donati di 5mila euro al Trifoglio Rosa

La donazione del presidio ospedaliero “Giovanni XXIII” di Monastier frutto degli esami di ottobre rosa

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

trifoglio rosa

MONASTIER - Il tumore al seno, nonostante i miglioramenti delle tecniche diagnostiche a nostra disposizione e i conseguenti vantaggi in termini di precocità della diagnosi, rimane per la donna la prima causa di morte per ogni fascia di età. Per questo è fondamentale, anche in questo periodo di emergenza sanitaria per coronavirus, ricordare l’importanza della prevenzione.

“Il tumore al seno è un problema che esisteva prima del covid, esiste adesso e sopravviverà anche al covid. Per questo è importante giocare d’anticipo”, hanno ricordato i medici del presidio ospedaliero “Giovanni XXIII” di Monastier durante la cerimonia che si è tenuta nei giorni scorsi a Venezia dove le “Trifoglio Rosa Mestre”, donne operate di tumore al seno della squadra di dragon boat della Canottieri Mestre, hanno voluto salutare tutte le loro compagne che purtroppo non ce l’hanno fatta lanciando nell’acqua della laguna delle gerbere rosa: una per ogni donna che nel periodo del lockdown se ne è andata.

Nell’occasione il presidio ospedaliero di Monastier ha riconfermato ufficialmente, il proprio sostegno alla squadra di dragon boat rosa donando un assegno di 5mila euro frutto della prevenzione effettuata da altre donne.

La cifra è parte del provento degli esami strumentali alle mammelle effettuati durante l’ottobre scorso, mese della prevenzione del tumore al seno. “Una donna dopo i 40 anni durante il periodo Covid deve fare esattamente quello che faceva prima: i controlli annuali completi", ha ribadito il dottor Pasquale Piazzolla chirurgo senologo.
"Nella migliore delle ipotesi la mammografia vede l’80% dei tumori; abbinando anche la visita e l’ecografia si arriva al 97/98% di probabilità di individuare il tumore. Le donne devono comunque imparare a conoscere il proprio seno con l'autopalpazione e non abbassare la guardia”.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Mogliano
Leggi altre notizie di Mogliano

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×