27 gennaio 2021

Nord-Est

Trovato in stazione con quattro pc portatili: erano stati rubato in una scuola

La Dirigente Scolastica ne aveva denunciato il furto, avvenuto qualche giorno prima

| Gianandrea Rorato |

| Gianandrea Rorato |

Trovato in stazione con quattro pc portatili: erano stati rubato in una scuola

VENEZIA - La settimana scorsa, un 23enne è stato fermato per un controllo dagli agenti della Polizia Ferroviaria, nella stazione di Venezia-Mestre, poiché si aggirava nello scalo con fare sospetto.

Il giovane è stato trovato in possesso di 4 computer portatili, di cui non è stato in grado di fornire alcuna plausibile spiegazione. Le apparecchiature informatiche sono state poste sotto sequestro e il 23enne è stato denunciato per ricettazione.

Ieri, grazie ad un’accurata attività investigativa, gli operatori della Sezione Polizia Ferroviaria di Mestre hanno restituito i computer al legittimo proprietario, un Istituto Scolastico di Spinea, da dove erano stati rubati.

La Dirigente Scolastica ne aveva denunciato il furto, avvenuto qualche giorno prima, ad opera di ignoti, che, introdottisi nell’ufficio della presidenza, avevano forzato l’armadio, asportando i quattro computer che vi erano custoditi.

La scuola, tra l’altro, è ben conosciuta dal personale della Polizia Ferroviaria del Compartimento per il Veneto per aver ospitato, negli anni scorsi, numerosi incontri con gli studenti nell’ambito del progetto “Train…to be cool”, promosso dal Servizio Polizia Ferroviaria in collaborazione con il MIUR e l’Università Degli Studi La Sapienza di Roma, per sensibilizzare i giovani in merito ai comportamenti corretti ed improntati alla legalità in ambito ferroviario.

Il progetto è stato avviato 6 anni fa ed è particolarmente attuale ed apprezzato da studenti ed insegnanti.

Il Compartimento Polizia Ferroviaria per il Veneto, nel corso degli anni, ha organizzato numerosi incontri in vari istituti scolastici delle province di Venezia, di Treviso, di Rovigo e di Belluno.

 



Gianandrea Rorato

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×