29/06/2022pioggia debole e schiarite

30/06/2022nubi sparse

01/07/2022poco nuvoloso

29 giugno 2022

Cronaca

Trota marmorata a rischio per le troppe immissioni di specie aliene

"La Regione faccia chiarezza sulle deroghe"

|

|

Trota marmorata a rischio per le troppe immissioni di specie aliene

VENEZIA - “Le troppe trote alloctone immesse nelle acque venete rappresentano un pericolo per la presenza di quella marmorata, unico esemplare autoctono che già si trova in uno stato di riduzione importante, tanto che l’Italia si è impegnata a tutelarlo nell’ambito della Direttiva Habitat dell’Unione Europea.  La Regione faccia chiarezza sulle deroghe ricevute per questi ingenti rilasci”. La richiesta arriva con un’interrogazione a risposta scritta da parte di Andrea Zanoni, consigliere del Partito Democratico Veneto.

“Lo scorso anno - fa sapere -  ha autorizzato l’immissione nelle acque del Brenta di quantitativi enormi di trote iridee e fario sterili, rispettivamente 13 e 2,5 tonnellate per la pronta cattura e 50mila e 780mila esemplari per quanto riguarda il novellame. Questi massicci ripopolamenti non sono privi di conseguenze, dal rischio di ibridazione alle competizioni spaziali, trofiche e dei siti riproduttivi, con la specie autoctona. A denunciare l’eccessiva presenza di esemplari estranei alle nostre acque sono anche gli stessi pescatori locali che lamentano un progressivo degrado di fiumi e torrenti. La Direttiva Habitat, recepita nel 1997 nel nostro ordinamento, vieta reintroduzione, introduzione e il ripopolamento in natura di specie e popolazioni non autoctone. Per farlo servono deroghe - sottolinea Zanoni - La Giunta Zaia le ha chieste? E, ancora, l’eventuale autorizzazione contiene delle osservazioni e prescrizioni da parte dell’Ispra? Non mi meraviglierei del contrario, visto quanto accade ogni anno col calendario venatorio”. 

“Ricordo - aggiunge in chiusura - la recente integrazione degli articoli 9 e 41 della Costituzione con l’inserimento nella nostra Carta della tutela di ambiente, biodiversità ed ecosistemi: la decisione della Regione è coerente con questa importantissima novità?”.

 


| modificato il:

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×