26/01/2022foschia

27/01/2022nebbia a banchi

28/01/2022parz nuvoloso

26 gennaio 2022

Treviso

Treviso, 825 gli operatori sanitari ancora senza vaccino in provincia di Treviso

Ad oggi sono 176 i lavoratori già stati sospesi, 24 le lettere di diffida inviate oggi

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

medici in ospedale

TREVISO - In Provincia di Treviso ad oggi sono 176, tra medici, infermieri, tecnici, psicologi, odontoiatri e personale in servizio all’intero delle strutture del territorio, già sospesi dal lavoro per non essersi vaccinati. Resteranno a casa, senza stipendio, fino al 31 dicembre ( come prestito dalla legge) o fino a quando non decideranno di vaccinarsi.

Tra gli operatori non vaccinati ci sono: 42 odontoiatri, 34 infermieri, 32 psicologi, 20 medici, 19 farmacisti, 10 tecnici, 9 veterinari, 8 biologi e 2 ostetriche. Intanto oggi l’azienda sanitaria trevigiana ha inviato altre 24 nuove lettere di diffida a 24 tra medici di medicina generale, della guardia medica e tecnici di radiologia non vaccinati.

Prosegue il lavoro della commissione medica presieduta dal direttore sanitario dell’Ulss2 Stefano Formentini, istituita ad hoc per verificare le motivazioni del mancato rispetto dell’obbligo vaccinale per il personale sanitario. “Sono in corso di verifica le posizioni di 825 operatori della sanità trevigiana che non hanno prenotato la prima dose del vaccino”, spiega Formentini. “Una volta analizzato caso per caso con ulteriori esami e controlli se necessario, avremo il numero esatto dei non vaccinati e procederemo con le eventuali sospensioni”.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

immagine della news

04/12/2021

Foglio di via per due medici no vax

La coppia, moglie e marito, residenti in Provincia di Pescara, erano giunti a Pordenone, dove la donna era attesa in qualità di relatrice ad una manifestazione contro i vaccini

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×