28/11/2021nubi sparse e rovesci

29/11/2021sereno

30/11/2021velature lievi

28 novembre 2021

Treviso

Treviso, lo fermano con una bici rubata qualche giorno prima

In calo i furti di biciclette. Il comandante della Polizia locale Andrea Gallo: «L’attenzione del Comando rimane molto alta»

| Angelo Giordano |

| Angelo Giordano |

Treviso, lo fermano con una bici rubata qualche giorno prima

TREVISO - Fermato e deferito all’autorità giudiziaria un ladro di biciclette.

Ieri, dopo un inseguimento di alcune decine di metri, è stato bloccato un giovane che, alcuni giorni prima, aveva rubato una bicicletta del valore di oltre 500 euro. Si tratta di un 17enne residente a Treviso intercettato dagli agenti del Nucleo di polizia giudiziaria mentre era intento a contrattare la vendita del mezzo con una giovane.

«Il furto della biciletta era avvenuto qualche giorno prima all’istituto “Da Vinci” di Treviso: una bici nuova, appena comprata a circa 500 euro e che sui social veniva rivenduta a metà prezzo», spiega il comandante della Polizia Locale Andrea Gallo.

«Dopo la denuncia fatta in Comando dal proprietario, gli agenti durante i normali controlli in città per la prevenzione dei reati e per la sicurezza urbana hanno notato proprio ieri pomeriggio due giovani che stavano parlando animatamente con una bici identica a quella rubata qualche giorno prima. Il giovane, fermato dagli agenti, ha cercato di fuggire per qualche metro ma è stato subito bloccato e portato in Comando».

All’esito degli accertamenti la bicicletta è risultata essere proprio quella rubata pochi giorni prima. E a confessare il furto è stato lo stesso giovanissimo, deferito alla Procura della Repubblica dei Minorenni di Venezia per furto aggravato e resistenza a Pubblico Ufficiale.

I furti di biciclette, soprattutto in stazione dei treni e in prossimità dei plessi scolastici, stanno diminuendo in maniera sensibile ma la soglia di attenzione da parte del Comando rimane molto alta: «I risultati che stiamo ottenendo nel contrasto ai furti sono notevoli»,

evidenzia Gallo. «Sono decine le bici che vengono restituite ai legittimi proprietari.

Fra l’altro, da circa un anno il Comando è impegnato costantemente nel garantire la rimozione delle bici abbandonate sui marciapiedi e sulle ringhiere della stazione che ora risulta in ordine e senza zone franche dove una volta spesso erano presenti molti mezzi “parcheggiati” alla rinfusa, ostacolando il transito di pedoni e limitando fortemente l’accessibilità ai disabili».
 

 


| modificato il:

Angelo Giordano

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×