09/08/2022sereno

10/08/2022poco nuvoloso

11/08/2022poco nuvoloso

09 agosto 2022

Treviso

Treviso, arrestato il pusher che nascondeva la coca sotto la lingua

L'operazione è stata messa a segno dalla Squadra Mobile: in casa del 40enne trovate numerose dosi di stupefacente e 13.000 euro in contanti

| Gianandrea Rorato |

| Gianandrea Rorato |

Treviso, arrestato il pusher che nascondeva la coca sotto la lingua

TREVISO - Ieri, lunedì 6 giugno 2022, la Polizia ha arrestato un quarantenne centrafricano, presunto responsabile di detenzione ai fini di spaccio di cocaina e marijuana, destinate a persone che frequentano il quartiere San Liberale a Treviso e la prima periferia del Comune di Carbonera.

L’attività di indagine, condotta dalla Squadra Mobile di Treviso, è partita da un controllo su strada effettuato all’inizio del 2022 congiuntamente ad una Volante della Questura, nel corso del quale il quarantenne è stato trovato in possesso (celati sotto la lingua) di ben 5 involucri termosaldati di colore bianco, il cui contenuto si è poi riscontrato essere sostanza stupefacente del tipo cocaina.

L’attività investigativa ha consentito di accertare una fiorente attività di spaccio messa in piedi dal soggetto, attraverso la quale lo stesso avrebbe ceduto nell’ultimo anno numerosissime dosi di sostanza stupefacente, prevalentemente cocaina, per un importo che oscillava da euro 40 ad Euro 300 per cessione.

L’attività di spaccio, bloccata nell’arco di pochi mesi, ha consentito di sequestrare, oltre che numerose dosi di cocaina, anche la somma contante di circa 13.000 Euro.

La locale Autorità giudiziaria, sulla scorta del quadro indiziario fornito dalla Squadra Mobile, ha pertanto disposto la misura della custodia cautelare in carcere, eseguita nella serata di ieri.

 


| modificato il:

Gianandrea Rorato

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

immagine della news

09/08/2022

Droga in scuola alberghiera, due arresti

A contribuire all'indagine erano stati i vertici della stessa scuola, insospettiti da evidenze di consumo di stupefacenti all'interno della struttura

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×