26 settembre 2021

Treviso

Treviso, allarme smog: auto Euro4 a rischio stop

Casartigiani Treviso contesta la misura: "I bloccare i mezzi euro 4 per tutto l’inverno significa penalizzare le piccole imprese"

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

smog auto

TREVISO - Treviso è tra le prime dieci città italiane che, a inizio settembre hanno già sforato, con almeno una centralina di rilevazione delle polveri sottili, il limite previsto, ossia la soglia dei 35 giorni nell’anno con una media di Pm10 giornaliera superiore ai 50 microgrammi per metro cubo d’aria. Peggio hanno fatto Verona e Venezia con 41, Vicenza con 40, Avellino e Brescia con 39.

Gli ultimi dati allarmanti per tutte le città capoluogo del Veneto (quattro nei primi dieci posti) sono stati riportati nell’ultimo Report Mal’Aria di Legambiente. E ora, che arriva l’inverno, si pensa ad intervenire con le prime ordinanze antismog. A Treviso già da ottobre potrebbero essere fermate circa 70mila auto diesel Euro4.

La nuova ordinanza antismog, in base alle regole indicate dalla Regione Veneto, in vigore dal 1 ottobre al 30 aprile 2022, prevede infatti, tra le disposizioni principali anche lo stop dei veicoli diesel Euro4. La misura, in realtà, doveva entrare in vigore già lo scorso anno, ma la pandemia ha portato a rinviare lo stop per evitare ulteriori complicanze in in fase già critica. Quest’anno si attende di capire se entrerà in vigore o sarà nuovamente “sospesa” fino a fine anno. Intanto c’è già qualcuno che contesta le nuove misure.

Per Casartigiani Treviso bloccare i mezzi euro 4 per tutto l’inverno, significa “penalizzare le piccole imprese che ancora stanno soffrendo per le pandemia”. “I veicoli Euro4 sono stati immatricolati fino al 2011, gli Euro 5 addirittura fino al 2015. Come si può pensare che piccoli artigiani cambino i propri mezzi così frequentemente?”, dichiara Salvatore D’Aliberti, direttore di Casartigiani Treviso. “I primi verrebbero bloccati dal lunedì e venerdì fin dal primo di ottobre, mentre i mezzi per trasporto merci Euro5 saranno fermati in caso di allerta rossa dalle 8.30 alle 12.30”.

“Si tratta di furgoni e mezzi che vengono utilizzati da piccoli artigiani per i servizi ai cittadini, per eseguire  riparazioni nelle abitazione, per recarsi in cantiere, per portare merce dove si sta lavorando, o per fare assistenza ai clienti. Bloccarli significa limitare il lavoro e creare un danno ai piccoli imprenditori e ai cittadini. Il problema delle emissioni riguarda solo parzialmente i mezzi, come dimostrato durante il periodo di lockdown. Auspichiamo ci saranno deroghe adeguate per consentire agli artigiani di lavorare”.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×