25/04/2024pioggia debole e schiarite

26/04/2024nubi sparse

27/04/2024nubi sparse

25 aprile 2024

Treviso

Treviso, aggrediti in discoteca: licenza sospesa per dieci giorni

La disposizione questa mattina da parte della Questura

| Angelo Giordano |

| Angelo Giordano |

Treviso, aggrediti in discoteca: licenza sospesa per dieci giorni

TREVISO - Il Questore di Treviso De Bernardin, in data odierna ha disposto la sospensione della licenza di pubblico spettacolo e trattenimenti danzanti nonché la licenza somministrazione di alimenti e bevande della discoteca all’insegna "RADIKA Club” situata nel Comune di Treviso. Col provvedimento, adottato ai sensi dell’art.100 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, notificato alla legale rappresentante dell’attività da parte del personale della Polizia di Stato della Questura di Treviso, è stata imposta una chiusura del locale per un periodo di 10 giorni. Il provvedimento è stata emanato a fronte di due gravi episodi, verificatisi in un breve arco temporale all’interno della discoteca, che hanno assunto gravi motivi di illiceità penale, ossia due liti scaturite presumibilmente per futili motivi tra avventori del locale, una delle quali culminata poi in un’aggressione, perpetrata verosimilmente con l’utilizzo di un bicchiere di vetro, che nello specifico ha causato ai soggetti coinvolti lesioni personali come ferite da taglio al collo. Su entrambi gli episodi delittuosi, uno dei quali connotato peraltro da una particolare forma di violenza ed aggressività tale da destare particolare allarme sociale, sono in corso ulteriori indagini da parte degli Uffici Investigativi della Questura di Treviso al fine di risalire a tutti i responsabili e ricostruirne le esatte dinamiche.

Al di là di ogni possibile valutazione sul comportamento posto in essere dal gestore della discoteca e dal servizio di sicurezza ivi impiegato, il provvedimento si è reso necessario oltreché in considerazione della gravità degli episodi consumatisi, anche in considerazione del breve lasso di tempo trascorso, ma altresì al fine di evitare una potenziale nuova fonte di pericolo per l’ordine e la sicurezza pubblica dei cittadini, scaturente dalla non marginale possibilità di rivalsa da parte di ulteriori soggetti coinvolti. L’applicazione della misura è volta dunque a tutelare in primis la cittadinanza al fine di impedire il ripetersi di circostanze analoghe nonché al fine di evitare e contrastare la prosecuzione di una persistente situazione di pericolo concreto. Seguirà la messa in campo di ulteriori dispositivi ed iniziative da parte della Polizia di Stato della Questura di Treviso nei confronti dei locali ed esercizi pubblici del Trevigiano, tese a prevenire e contrastare ogni forma di illegalità, nonché a garantire in primis la sicurezza nel settore del pubblico spettacolo e della somministrazione di alimenti e bevande, al fine soprattutto a tutelare l’ordine e la sicurezza pubblica.


Iscriviti alla Newsletter di OggiTreviso. E' Gratis

Ogni mattina le notizie dalla tua città, dalla regione, dall'Italia e dal mondo


 

 



Angelo Giordano

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×