26/01/2022foschia

27/01/2022nebbia a banchi

28/01/2022parz nuvoloso

26 gennaio 2022

Treviso

Treviso, è morto Franco Zoppè, imprenditore e figura di riferimento per i locali della città

Storico presidente della Fipe Confcommercio Treviso. Ha aperto il bar Borsa, il bar Siamic, il bar del Teatro comunale

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

Franco Zoppè

Franco Zoppè con Dania Sartorato ( attuale presidente Fipe)

TREVISO - Lutto in città e nel mondo della ristorazione trevigiana per la scomparsa di Franco Zoppè, mancato improvvisamente la notte scorsa all’ospedale Cà Foncello di Treviso. Lo storico presidente della categoria dei pubblici esercizi di Confcommercio Treviso aveva 85 anni. Residente a Treviso, in via Tofane, Zoppè ha scritto una pagina importante nella storia della somministrazione e ristorazione trevigiana. La notizia della sua morte in poche ore è arrivata in città lasciando una profonda tristezza tra i tanti colleghi e clienti.

Imprenditore e precursore di molte tendenze, ha ideato, creato e gestito, in società col fratello Piero Zoppè, il format di successo di molti locali dai primi anni ’60 fino alla fine degli anni ’80, segnando la storia della città e lasciando un ricordo indelebile per bravura e signorilità in molti trevigiani.

La lista dei locali “storici” da lui fondati e gestiti è fitta: il Bar Borsa, il buffet della stazione dei treni, il Bar Siamic, il bar del Teatro comunale, fino allo storico ristorante “Al nostro bar” dove ora c’è Pino. Senza contare altre iniziative imprenditoriali avviate a Castelfranco, Grado, Jesolo, tutte gestite con pieno successo. Negli ultimi anni, dopo aver lasciato l’attività imprenditoriale è stato chiamato come Direttore dal Gruppo Cremonini per dirigere il buffet della stazione di Mestre e di varie altre città del Nord Italia.

“Un signore gentile, affabile, d’altri tempi, un uomo di indiscussi valori umani e morali che ha portato un contributo fondamentale alla città”, lo ricordano dal palazzo del Terziario. In Confcommercio ha co-fondato il Gruppo Ristoratori, è stato presidente della Fipe e storico componente della giunta esecutiva di Ascom Treviso. “Franco rappresenta una grande generazione di imprenditori del commercio, per tutti noi giovani è stato un insigne esempio di impegno associativo, ha scritto una pagina fondamentale della ristorazione trevigiana” - commenta Federico Capraro, presidente di Confcommercio Treviso.

“In Fipe - spiega Dania Sartorato, attuale presidente della categoria presidente Fipe – ha lasciato un segno profondo e ha tracciato molte strade, prima fra tutte l’impegno per il sociale, valorizzando il ruolo dell’esercente come imprenditore a tutto tondo capace di leggere i mutamenti sociali e di contrastare attivamente i disagi, soprattutto dei ragazzi. Ho raccolto la sua eredità e mi sento onorata”.

Franco Zoppè lascia la moglie, i figli Carlo e Nicola, il nipote Alberto Zoppè e moltissimi amici e colleghi.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×