18 maggio 2021

Treviso

Tre quote da 400 euro, è il reddito di emergenza. Da richiedere entro fine mese

L'Inas Cisl di Treviso e Belluno ha aperto gli sportelli dei patronati. Molte le richieste già arrivare

| Roberto Grigoletto |

immagine dell'autore

| Roberto Grigoletto |

Tre quote da 400 euro, è il reddito di emergenza. Da richiedere entro fine mese

TREVISO - Il reddito di emergenza – quello introdotto lo scorso anno dal Decreto Rilancio – è stato confermato per quest’anno dal Decreto Sostegni e prevede il riconoscimento di tre quote di reddito di emergenza per i mesi di marzo, aprile e maggio 2021, ampliando il numero dei possibili beneficiari. I quali sono, come si può intuire, i nuclei familiari in condizioni di difficoltà, in conseguenza dell’emergenza Covid, e in possesso dei requisiti di residenza, economici, patrimoniali e reddituali, previsti dalla normativa. L’ Inas Cisl ha già messo a disposizione da un paio di giorni gli sportelli del Patronato sia di Belluno che di Treviso, ai quali ci si può rivolgere per prenotare un appuntamento (al numero unico 0422 1660661) o, per coloro che sono già stati contattati via mail da Inas, per consegnare direttamente il modulo di richiesta compilato. Le domande dovranno essere inoltrate entro il prossimo 30 aprile.

L’anno scorso il patronato della Cisl ha inoltrato 1.406 domande di reddito di emergenza: 292 a Belluno e 1.114 a Treviso. “Questo mese – informano Michela Fuser e Stefano Gris, responsabili rispettivamente dei patronati Cisl di Treviso e Belluno - contiamo di presentare altrettante domande, considerando il fatto che la platea di utenti è stata ampliata dal Decreto Sostegno: il nuovo Rem potrà essere richiesto anche dai disoccupati. Abbiamo già contattato via sms le persone che nel 2020 hanno chiesto al patronato Inas di inoltrare la richiesta. Il riscontro è notevole: sono già oltre cento le persone che si sono rivolte al nostro patronato per presentare la domanda”.

Una buona notizia la riconferma delle misure di sostegno contemplate dal reddito di emergenza. Che però, dall’altro lato, la dice lunga sulle sacche di povertà sempre più diffuse nel nostro territorio. Commenta il segretario della Cisl di Belluno e Treviso Massimiliano Paglini: “Il grande numero di richieste e l’interesse che stiamo registrando per il reddito di emergenza è uno dei tanti indicatori che confermano le enormi difficoltà che stanno vivendo sempre più famiglie trevigiane e bellunesi in questa delicata fase in cui non si vede ancora l’uscita dalla pandemia. Il disagio sociale è in aumento, così come si stanno ampliando ulteriormente le fasce di povertà. La questione lavoro per tutti è l’unica soluzione per contrastare le disuguaglianze sempre più ampie. Serve tempestività nell’utilizzare le risorse del Next Generation EU, che auspichiamo arrivino e siano finalizzate agli investimenti e alla crescita”.

Il contributo previsto dal reddito di emergenza verrà erogato in tre quote da 400 euro. Il richiedente deve avere la residenza in Italia e la sua famiglia deve avere un Isee inferiore a 15mila euro; un patrimonio mobiliare 2020 inferiore a una soglia di 10mila euro, accresciuta di 5.000 euro per ogni componente successivo al primo e fino ad un massimo di 20mila euro (incremento di 5.000 euro in caso di presenza di un familiare con disabilità grave o non autosufficienza); un reddito del mese di febbraio al di sotto dell’importo di Rem spettante; non avere alcun membro del nucleo familiare titolare di trattamenti pensionistici, a eccezione dell’assegno ordinario di invalidità, pensione o reddito di cittadinanza né indennità per i lavoratori stagionali del turismo, degli stabilimenti termali, dello spettacolo e dello sport, previste dal Decreto Sostegni, o stipendi da altro contratto di lavoro dipendente con retribuzione superiore al reddito di emergenza. Le altre novità introdotte per il 2021, in particolare a favore del lavoratore disoccupato, verranno illustrate direttamente agli sportelli del patronato Inas Cisl.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Roberto Grigoletto

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

immagine della news

14/04/2021

DL Sostegni: Online le FAQ aggiornate  

Pubblicate sul sito di Agenzia delle entrate-Riscossione le risposte alle domande più frequenti aggiornate con le novità introdotte in materia di riscossione dall’articolo 4 del Decreto “Sostegni” del 23 marzo

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×