26 febbraio 2020

Mogliano

Travolto da treno merci, morto ragazzo di 17 anni

Era nelle vicinanze della stazione di Olmi, lungo la linea Treviso-Portogruaro

commenti |

commenti |

Travolto da treno merci, morto ragazzo di 17 anni

SAN BIAGIO DI CALLALTA - Un ragazzo di 17 anni, Luca Sponchiado, è morto a Olmi di San Biagio di Callalta dopo essere stato travolto da un treno merci in transito, nelle vicinanze della stazione lungo la linea Treviso-Portogruaro.

Sul posto è intervenuta la polizia giudiziaria per i rilievi del caso. Il traffico passeggeri è stato dirottato per alcune ore su mezzi su gomma.

 

Stando ad una prima ricostruzione dell'accaduto, il giovane sarebbe stato seduto su un muretto vicino alla massicciata, sul marciapiede che precede la piccola stazione ferroviaria, oltre la linea gialla di sicurezza. Il ragazzo potrebbe non essersi accorto dell'arrivo del treno a causa della musica che probabilmente stava ascoltando con gli auricolari, mentre la fitta nebbia non ha permesso al macchinista di accorgersi della sua presenza se non a pochi metri dal punto dell'impatto. Quindi sarebbe stato travolto dal treno e per lui è stata la fine.

Sul posto i sanitari del 118, che non hanno potuto fare altro che constatare il decesso del ragazzo.

 

A quanto risulta, il ragazzo avrebbe dovuto prendere come faceva di solito l'autobus per recarsi a scuola, a Treviso, ma stamani forse era in ritardo e ha preferito andare a prendere il treno. Appassionato di musica - suonava la chitarra - si sarebbe seduto vicino ai binari con gli auricolari in attesa del treno. Non si sarebbe quindi minimamente accorto dell'arrivo di un merci. Sulla zona gravava al momento una fitta nebbia che ha impedito al macchinista di accorgersi in tempo della presenza del ragazzo in un'area non in sicurezza.

Gli accertamenti in corso da parte della polizia ferroviaria dovranno stabilire la causa esatta dell'incidente. Tra le ipotesi al momento non si esclude che all'arrivo del convoglio lo studente, colto di sorpresa e con lo spostamento d'aria provocato dal treno, possa essere caduto finendo travolto.

 

In paese, i conoscenti descrivono il giovane come un bravo ragazzo, impegnato in parrocchia e non si danno pace per la tragedia. Uno zio, con parole cariche di dolore, di fronte alle domande dei giornalisti, ha parlato di una ragazzo "amabile" e ricordato che l'uso degli auricolari per ascoltare la musica potrebbe aver contributo a non fargli sentire l'arrivo del treno.

 

(Nella immagini Luca Sponchiado - foto da Facebook - ed il punto in cui è avvenuto l'incidente)

 

Leggi altre notizie di Mogliano
Leggi altre notizie di Mogliano

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×