29 ottobre 2020

Castelfranco

TRAFFICO, IN ARRIVO UNA RIVOLUZIONE

Affidato l’incarico per uno studio che porterà alla creazione di nuovi sensi unici, corsie preferenziali e nuovi parcheggi

| |

| |

Castelfranco - Ci si prepara a rivoluzionare il traffico in centro. È stato affidato l’incarico per la redazione dello studio sull’assetto viario dell’area centrale del territorio comunale il cui bando era stato pubblicato circa un anno fa. Dopo selezioni, colloqui e lungaggini burocratiche che non mancano mai, finalmente si è sboccata la situazione. Per ora, per motivi legati alla formalizzazione dei risultati del concorso non è ancora stato reso noto il nome dello studio vincitore. Verrà fatto nei prossimi giorni. Quel che più conta però è che nei prossimi mesi si riusciranno ad avere un’analisi approfondita della situazione e soprattutto delle proposte concrete per intervenire sul traffico cittadino. Traffico che, si sa, soprattutto nelle ore di punta riesce a far saltare anche i nervi più saldi. “Hanno partecipato più di venti studi specializzati - spiega il vicesindaco ed assessore all’Urbanistica Fiorenzo Vanzetto -. Dopo una prima selezione sono rimasti in cinque. Poi ci sono stati ulteriori colloqui e prove ed alla fine si è arrivati all’affidamento. Ecco perché i tempi per l’affidamento sono stati così lunghi”. “Ora si inizierà con la redazione del progetto – aggiunge Vanzetto -. Entro alcuni mesi ci saranno delle proposte concrete per risolvere la situazione viaria in centro. Verrà creato un sistema informatizzato in cui si faranno delle sperimentazioni virtuali delle diverse ipotesi. Nel frattempo coinvolgeremo tutti i possibili collaboratori per arrivare al risultato, quindi vigili, settore Lavori Pubblici, Ctm ed altri. L’obbiettivo è di ottimizzare la viabilità basandoci sulle strade che già ci sono”. Il costo complessivo dello studio sarà di circa centomila euro. La zona che sarà sotto la lente di ingrandimento e quindi oggetto di studio è così delimitata: a nord dalla Circonvallazione; a sud dalla linea ferroviaria Vicenza-Treviso, quindi si arriva fino all’altezza della stazione dei treni; ad ovest dalla linea ferroviaria Venezia-Trento, cioè fino alla zona di Quartiere Valsugana; ad est dalla linea per Padova-Belluno, arrivando a comprendere anche Salvarosa. Si partirà con una campagna di rilevazione del traffico, dopodiché verrà sviluppato il modello virtuale di gestione della rete stradale e dei parcheggi. A quel punto, si inizieranno a prevedere diversi scenari di intervento. Tra le possibilità ci sono l’istituzione di nuovi sensi unici, miglioramenti delle intersezioni, l’individuazione di nuove corsie preferenziali o percorsi privilegiati per i mezzi pubblici, e si potrebbero avviare anche progetti di riorganizzazione delle modalità di gestione dei parcheggi. Un tentativo di migliorare la viabilità in centro che si somma a quelli fatti negli anni, ma senza risultati: il Put, approvato nel 1998 ed aggiornato nel 2006, il Tpl (Piano del Trasporto Pubblico Urbano), nel 2003, lo studio Ctm (Unità di rete Tpl coordinata con Sfmr), nel 2004, e la sperimentazione dei sensi unici per entrare ed uscire da piazza Giorgione nel 2005. MC

 


| modificato il:

Leggi altre notizie di Castelfranco
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×