27 maggio 2020

Nord-Est

Tracce di Dna sotto le unghie e alcol nello stomaco di Domenico

Ecco le relazioni degli ultimi accertamenti medici

| commenti |

| commenti |

Tracce di Dna sotto le unghie e alcol nello stomaco di Domenico

PADOVA -  Sotto le unghie di Domenico Maurantonio, lo studente padovano che lo scorso 10 maggio è volato dal quinto piano dell'hotel di Milano dove era in gita con la classe, sarebbero stati rilevati residui di Dna da analizzare. Lo si è appreso in relazione agli accertamenti medici.

Domenico Maurantonio  - si apprende inoltre - avrebbe avuto nello stomaco una maggiore presenza di alcol rispetto a quella rilevata nel sangue. Gli accertamenti avrebbero escluso tracce di droghe.

 

I residui di Dna - scarsi pare - dovranno comunque essere analizzati dai consulenti nominati dal pm Claudio Gittardi, che coordina le indagini condotte dalla Squadra mobile di Milano, e comparati con altro materiale biologico raccolto nel corso dell'inchiesta. La presenza di tracce di Dna sotto le unghie del ragazzo, tra l'altro, andrà anche messa in relazione al quadro delle indagini e alla ricostruzione della dinamica di quanto accaduto. Nell' ambito degli accertamenti, inoltre, si stanno cercando anche eventuali tracce di Dna su alcuni lividi che il giovane aveva su un braccio quando è volato giù dalla finestra.

 

Gli accertamenti medico-legali, inoltre, quando confluiranno in una prima relazione parziale firmata da tutti e tre i consulenti, potranno anche meglio chiarire l'orario della morte del giovane che per ora è compreso in una fascia che va dalle 5,30 alle 7 del mattino. E ciò anche attraverso l'analisi relativa alla probabile ultima assunzione di alcol da parte del ragazzo, alcol non smaltito e ancora presente nello stomaco. Dopo il deposito della relazione parziale, gli inquirenti lavoreranno anche per ricostruire con esattezza la dinamica della caduta dalla finestra del quinto pianto dell'hotel.

Allo stato, è certo che in quel corridoio dell'albergo nessuno degli altri ospiti presenti abbia sentito urla o confusione. In ogni caso, non si esclude nemmeno, al momento, l'ipotesi della colluttazione come quella dello scherzo finito in tragedia. Gli investigatori indagano in primo luogo su comportamenti anomali da parte del ragazzo o di alcuni compagni di classe nel corso della nottata e diversi particolari restano ancora da chiarire.

 

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×