28/06/2022pioggia debole

29/06/2022pioggia debole e schiarite

30/06/2022nubi sparse

28 giugno 2022

Montebelluna

Toni Capuozzo a Trevignano, incontro sul “caso marò”

Martedì 11 aprile a Villa Onigo

|

|

Toni Capuozzo a Trevignano, incontro sul “caso marò”

TREVIGNANO Questa sera, martedì 11 aprile, alle 20,30, Toni Capuozzo sarà a Villa Onigo di Trevignano. L’appuntamento, inserito nel ciclo “I martedì in villa”, è dedicato alla vicenda dei marò e si intitola “I marò: una verità da far riconoscere”.

Toni Capuozzo esporrà la lunga inchiesta che ha intrapreso per dimostrare, attraverso una puntuale e meticolosa ricostruzione dei fatti, la totale innocenza dei due marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone.


 

Il 15 febbraio 2012, nell’Oceano Indiano, due pescatori vengono uccisi da una raffica di colpi sparata da una nave mercantile. Nello stesso giorno la Enrica Lexie, petroliera italiana con a bordo un Nucleo Militare di Protezione, ha respinto un tentativo di abbordaggio. Nel giro di poche ore la nave italiana inverte la rotta e viene fatta ormeggiare nel porto di Kochi, e qualche giorno dopo i due fucilieri di Marina, Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, vengono arrestati.

Comincia così il “caso marò”, una vicenda che è diventata un limbo giudiziario fatto di inchieste approssimative, estenuanti dibattiti sulla giurisdizione e sull’immunità funzionale, rinvii e nulla di fatto. Toni Capuozzo ricostruisce gli eventi, a cominciare dalla legge che consentì l’impiego di personale militare a bordo di navi mercantili. Spiega il groviglio giuridico che ha intrappolato due Paesi amici, l’Italia e l’India, e il peso degli interessi economici e politici che hanno condizionato la vicenda, gli e
rrori di tre governi e cinque ministri degli Esteri italiani.

Ma soprattutto ricostruisce l’incidente del 15 febbraio facendo emergere tutte le contraddizioni e le lacune dell’inchiesta indiana e avanzando un’ipotesi di innocenza dei due militari, mai fatta propria dalla diplomazia italiana. Latorre e Girone hanno sempre detto: «Siamo innocenti». Ma nessuno finora gli ha creduto. Perché?

                                                                                                                                                

 



Leggi altre notizie di Montebelluna
Leggi altre notizie di Montebelluna

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×