28/05/2022temporale

29/05/2022nuvoloso

30/05/2022nuvoloso

28 maggio 2022

Treviso

Test di fine quarantena, i farmacisti: "Ci dicano come fare, per ora niente tamponi gratuiti"

Muschietti, presidente Farmacieunite Veneto: "Siamo disponibili ma non abbiamo ancora istruzioni"

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

tamponi farmacia

TREVISO - Farmacie trevigiane tempestate di chiamate da parte dei cittadini che chiedono informazioni per fare il tampone di fine isolamento o quarantena gratuito. Ma le farmacie non sono ancora pronte a fornire il servizio. “Da questa mattina abbiamo ricevuto tantissime telefonate da parte della popolazione che giustamente ha sentito o letto le novità comunicate dal presidente Zaia e vuole venire a fare il tampone antigienico di fine isolamento in farmacia. Ma noi non sappiamo ancora come dobbiamo procedere, non abbiamo informazioni tecniche”.

Così Franco Muschietti, presidente regionale di Farmacieunite, fa il punto della situazione sull’avvio delle nuove modalità annunciate sabato dalla Regione. “Capisco che i tempi della politica sono diversi dai tempi della burocrazia ma a noi la regione non ha ancora inviato un protocollo, un documento, su come gestire e registrare questi tamponi di fine quarantena. Inoltre, non sappiamo come ancora come questi tamponi gratuiti ci verranno rimborsati, come verranno rendicontati”.

 “Questa mattina ho chiamato in Regione - spiega Muschietti - per chiedere il documento e mi è stato detto che lo avrebbero inviato entro la giornata”. Al momento però, niente tamponi gratuiti in farmacia almeno per qualche giorno. “Servirà qualche giorno di rodaggio per essere operativi, chiediamo un pò di pazienza perché non eravamo pronti a gestire questa nuova incombenza - continua Muschietti - . Non vogliamo tirarci indietro, siamo pronti a dare una mano al sistema pubblico come abbiamo sempre fatto in questi due anni di emergenza, ma abbiamo la necessità di avere un documento scritto che ci indichi come agire”.

Il presidente di Farmacieunite sottolinea l’importante mole di lavoro che in questi ultimi mesi stanno portando avanti le farmacie. “Non abbiamo solo i tamponi da seguire, ci sono i vaccini, gli screening al colon retto e dal primo febbraio parte anche il nuovo sistema di monitoraggio del diabete. E anche noi, nonostante il 90% del nostro personale abbiamo già la terza dose, dobbiamo fare i conti con personale contagiato o in quarantena”.

In merito alle problematiche sollevate la Regione oggi ha precisato che: “Sabato mattina, dopo la risposta positiva da parte del Ministero della Salute di utilizzare anche i test antigenici di prima generazione (attualmente in uso alla Farmacie e ai Pediatri di Libera Scelta a ai Medici di Medicina Generale) anche per determinare la guarigione e la fine del periodo di isolamento, la Regione ha provveduto ad informare le Associazioni delle Farmacie (Federfarma, Farmacie Unite, Assofarm) che avevano dato la loro disponibilità. Lunedì mattina la piattaforma è stata adeguata alle nuove esigenze e sono state diramate indicazioni precise da parte degli Uffici regionali sulle categorie di pazienti che potranno recarsi in farmacia ed eseguire gratuitamente i tamponi”.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×