26 luglio 2021

Cronaca

Terna annuncia l'interramento dell'elettrodotto Polpet-Vellai-Volpago

Il nodo di Vellai sarà collegato in cavo interrato alla futura stazione elettrica di Volpago

|

|

elettrodotto

BELLUNO - Elettrodotti Terna annuncia l'interramento totale del segmento Polpet-Vellai-Volpago. "Una prima parte delle linee elettriche della Valbelluna sarà interrata - spiega il presidente della Provincia di Belluno, Roberto Padrin, al termine della riunione tenutasi oggi con Regione, Terna e i Comuni della media valle del Piave -. Per la seconda parte, sarà convocato a brevissimo un tavolo tecnico in cui Provincia e Comuni concertino con Terna i prossimi interventi da mettere in campo. È un ulteriore tassello nella rimozione di cavi e tralicci che perseguiamo da tempo".

 

Nel corso della riunione, Terna ha presentato sia gli interventi previsti dal progetto "Rtn Media valle del Piave" sia un ulteriore step, che riguarda alcune linee elettriche a valle delle stazioni di Soverzene e Polpet, nell'ottica di una magliatura più completa degli elettrodotti, con l'obiettivo di evitare i disservizi già registrati con le grandi nevicate dell'inverno 2013-14 e con la tempesta Vaia. In particolare, la linea 220 kV Polpet-Vellai sarà demolita interamente e ricostruita in cavo interrato per una lunghezza di circa 37 chilometri, su un tracciato da condividere con il territorio. E la futura linea 220 kV Polpet-Vellai-Volpago sarà interrata per un tratto di circa 18 chilometri tra Ponte nelle Alpi e Limana. Inoltre, il nodo di Vellai sarà collegato in cavo interrato alla futura stazione elettrica di Volpago.

 

"Questi ulteriori interramenti vanno nella direzione che abbiamo chiesto fin dall'indomani della tempesta Vaia, per evitare disservizi e blackout e cogliere l'occasione anche per progettualità in grado di eliminare l'ingombro visivo e ambientale di cavi aerei e tralicci - commenta il presidente Padrin - Tra dicembre 2018 e gennaio 2019 abbiamo incontrato due volte il presidente e i vertici di Terna, a Roma, proprio per iniziare a ragionare in maniera dettagliata queste tematiche. Oggi arriviamo a un punto di svolta, e ringrazio la Regione Veneto per aver organizzato questo tavolo tecnico, oltre al ministro D'Incà che nelle ultime settimane ci ha permesso di accelerare i dialoghi con Terna".

 

 

 



Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×