27 maggio 2020

Valdobbiadene Pieve di Soligo

Tarzo, nuovi sbancamenti sulle colline per fare posto ai vigneti

La Rete SOS Territorio chiede alla Regione il blocco dei vigneti

| Ingrid Feltrin Jefwa | commenti |

immagine dell'autore

| Ingrid Feltrin Jefwa | commenti |

Sbancamenti a Tarzo

TARZO – Sulle colline del Prosecco le ruspe non si fermano e Marcia Stop Pesticidi lamenta nuovi cantieri a Tarzo. “In tutta la zona Unesco DOCG continua la "trasformazione" del territorio finalizzata alla espansione della monocoltura del prosecco. Come un virus che si diffonde, senza trovare resistenze, ogni spazio ancora salvo, viene "contagiato" da scavi, sbancamenti, disboscamenti, livellamenti e lavori vari di ruspa”.

Marcia Stop Pesticidi pubblica quindi delle foto scattate in questi giorni a Tarzo con le ruspe in azione e ricorda che solo pochi mesi fa la Regione aveva dichiarato il blocco della espansione dei vigneti in zona DOCG. “Pur legalmente autorizzati grazie alle solite procedure salva-vigneti fatte di domande antipate e lavori in deroga – quindi aggiunge l’organizzazione -, continuano i lavori di distruzione del Paesaggio delle Colline trevigiane tramandato da secoli di civiltà contadina”.


A fronte di questo stato di cose l’organizzazione di cittadini fa inoltre sapere che: “La Rete SOS Territorio chiede alla Regione il blocco dei vigneti, senza aggiramenti e mistificazioni propagandistiche e il ripristino della biodiversità minacciata dalla monocoltura chimica. Fa appello a tutti i cittadini a segnalare allo Sportello ogni movimento di terreno e ogni disboscamento”.

 

 



foto dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa

Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo
Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×